Ritorna alla pagina principale

Comunicati
del (nuovo)Partito comunista italiano

 

Indice dei comunicati

Vai all’indice generale
dei comunicati CC del (nuovo)PCI

Consulta l’indice dei comunicati del CC del (nuovo) PCI del 2022

Indice dei comunicati del 2024 e 2023


Comunicato CC 6/2024 - 25 febbraio 2024

Sviluppare l’attività del partito comunista clandestino è possibile!

Un metodo nuovo e semplice per mettersi in contatto e collaborare con il (nuovo)PCI al riparo dal controllo della classe dominante!

L’idea che le autorità della classe dominante (servizi segreti, polizia politica, organismi ausiliari fascisti e simili) sono in grado se non di condizionare e orientare, come alcuni addirittura sostengono, almeno di controllare l’attività delle organizzazioni rivoluzionarie è frutto della propaganda che la borghesia imperialista, i suoi portavoce e intellettuali succubi hanno diffuso su larga scala già a partire dagli anni ‘70, periodo in cui in Italia e in altri paesi europei le Organizzazioni Comuniste Combattenti infliggevano duri colpi alla classe dominante (... Leggi il testo completo del comunicato)

Comunicato CC 5/2024 - 21 febbraio 2024

Ex Ilva, Stellantis, Wärtsilä, ex GKN, Portovesme, TIM… solo l’azione di un governo d’emergenza popolare può interrompere lo smantellamento del tessuto produttivo del nostro paese!

La classe dominante procede a passo spedito nello smantellamento del tessuto produttivo del nostro paese. La decisione del gruppo Arcelor-Mittal di non investire più nello stabilimento dell’ex Ilva di Taranto, che il ministro delle “Imprese e del Made in Italy” Urso fa passare come decisione del governo di “estromettere” le multinazionali non interessate ad investire in Italia, è la dimostrazione del fatto che i padroni non hanno intenzione di continuare a produrre in Italia tranne alle proprie condizioni: produrre senza vincoli rispetto alla tutela ambientale e dei lavoratori, proprio come da ultimo li si è visti fare il 16 febbraio nel cantiere Esselunga di Firenze. In sostanza, o i governi di turno (di centro-sinistra [Prodi, D’Alema, Letta, ecc.] o di centro-destra [Berlusconi, Meloni] che siano) smantellano ciò che resta delle conquiste (... Leggi il testo completo del comunicato)

Comunicato CC 04/2024 - 17 febbraio 2024

Promuovere un’ampia partecipazione alle mobilitazioni del 23 e 24 febbraio a sostegno della resistenza palestinese e contro lo Stato sionista d’Israele!

Estendere la mobilitazione: le manifestazioni di piazza, le proteste davanti alle sedi di ambasciate e consolati di Israele e degli USA, il blocco di porti, aeroporti e centri della logistica dove transitano le armi destinate ai sionisti, i presidi sotto le sedi di radio, televisioni e altri mezzi di comunicazione che si sono distinti per zelo filosionista, le occupazioni delle Università che hanno accordi di cooperazione con centri di ricerca, agenzie, aziende, enti privati e pubblici israeliani, il boicottaggio di prodotti israeliani e di aziende che li commerciano.

(... Leggi il testo completo del comunicato)

Comunicato CC 03/2024 - 10 febbraio 2024

Verso e oltre un 8 Marzo di lotta e riscossa
Studentesse, bruciate la “Buona Scuola” dei padroni!
Che tutte le università e le scuole superiori, medie ed elementari siano focolai di mobilitazione, organizzazione e riscossa per le donne delle masse popolari!

Nella costruzione della mobilitazione del 25 novembre scorso i collettivi studenteschi hanno dimostrato di saper rispedire al mittente le manovre che i partiti della Larghe Intese hanno messo in campo per promuovere un clima di unità nazionale e per far intendere alle donne delle masse popolari che esse avrebbero da spartire più con la Meloni e la Schlein che con la loro classe. Studentesse e studenti hanno capillarmente rigettato i minuti di silenzio nelle scuole di tutto il paese e si sono da subito organizzati per rispedire al mittente anche la direttiva Valditara sull’educazione contro la violenza. Essi sono la forza che può rigettare la riforma Valditara, la sua educazione di classe, oscurantista e repressiva e la “Buona Scuola” dei padroni!

(... Leggi il testo completo del comunicato)

Comunicato CC 02/2024 - 21 gennaio 2024

Sostenere e aderire allo sciopero del Trasporto Pubblico Locale (TPL) del 24 gennaio

Estendere e rafforzare la lotta contro le precettazioni e le altre limitazioni al diritto di sciopero

Per il prossimo 24 gennaio CUB Trasporti, SGB, ADL Cobas, COBAS Lavoro Privato e USB Lavoro Privato hanno indetto uno sciopero nazionale di 24 ore del Trasporto Pubblico Locale (TPL) non solo per il rinnovo del CCNL degli autoferrotranvieri ma anche a difesa del diritto di sciopero dopo le precettazioni di Matteo Salvini.
Lo sciopero del 24 gennaio va sostenuto: ogni comunista e ogni organismo e individuo avanzato deve farne ampia propaganda e promuovere una larga adesione dei lavoratori. Dobbiamo prepararlo organizzandosi, azienda per azienda, per rispondere adeguatamente nel caso in cui Salvini intenda ancora precettare gli scioperi dei lavoratori come sta facendo da un anno a questa parte.

Ogni forma di lotta per far valere gli interessi dei lavoratori è giusta e legittima: l’unico criterio è avere la forza per farla!

(... Leggi il testo completo del comunicato)

Comunicato CC 01/2024 - 18 gennaio 2024

Onoriamo Lenin, promotore e guida della rivoluzione socialista!
Valorizziamo i suoi insegnamenti applicandoli nella situazione concreta del nostro paese!

Cento anni fa, il 21 gennaio 1924, a Gorki a nemmeno 54 anni moriva Lenin, promotore della rivoluzione socialista, guida della Rivoluzione d’Ottobre, fondatore dell’Internazionale Comunista e del primo paese socialista della storia, l’Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche. L’anniversario sarà certamente celebrato nel mondo intero da molti milioni di persone, date le dimensioni che il movimento comunista cosciente e organizzato (MCCO) ha nel mondo grazie soprattutto alle ex colonie e semicolonie, Cina in testa. Anche nei paesi imperialisti milioni di persone si riuniranno a ricordare gli insegnamenti di Lenin nonostante la decadenza del movimento comunista (... Leggi il testo completo del comunicato)

Comunicati del 2023

Comunicato CC 32/2023 - 31 dicembre 2023

L’augurio del (n)PCI per il nuovo anno

Avere il coraggio di portare la rivoluzione socialista alla vittoria!

La crisi della società borghese è mondiale. Anche la rivoluzione socialista è mondiale, ma la rivoluzione mondiale è combinazione di rivoluzioni nazionali vincenti in paesi che via via stabiliscono tra loro rapporti di solidarietà, collaborazione e scambio. Il primo paese imperialista in cui i comunisti porteranno le masse popolari a instaurare il socialismo aprirà la via e mostrerà la strada anche alle masse popolari del resto del mondo e si gioverà del loro appoggio. Nostro compito è promuovere la rivoluzione socialista nel nostro paese: solo così facendo diamo anche il massimo contributo alla rinascita del movimento comunista cosciente e organizzato e allo sviluppo della seconda ondata della rivoluzione socialista in tutto il mondo. Nel nostro paese la costituzione del Governo di Blocco Popolare (GBP) è un passo indispensabile del percorso verso l’instaurazione del socialismo: il (n)PCI la promuove inserendosi in ogni episodio e contesto della lotta di classe per mobilitare gli operai e il resto delle masse popolari, portarli a rafforzarsi in termini di organizzazione e coscienza, creare così le condizioni per la costituzione del GBP che darà inizio a uno scontro di livello superiore e avanzare fino all’instaurazione del socialismo.

Alla luce del compito storico che stiamo svolgendo nel nostro paese, salutiamo tutti quelli che ovunque nel mondo resistono alle misure imposte dal sistema imperialista mondiale e ci uniamo a quelli che combattono per porvi fine.

(... Leggi il testo completo del comunicato)

Comunicato CC 31/2023 - 13 dicembre 2023

Non sottomettere il diritto di sciopero alla volontà del governo Meloni!
Violare la precettazione: per difendere il diritto di sciopero bisogna praticarlo!

Matteo Salvini ha adottato per l’ennesima volta la tagliola della precettazione in occasione dello sciopero dei trasporti indetto da USB Lavoro Privato, Cub Trasporti, Cobas, Adl Cobas e Sgb per il 15 dicembre, avvalendosi dell’art.8 della legge 146/90: Salvini dichiara guerra ai lavoratori attaccando il diritto di sciopero, ma le leggi a cui si affida valgono finché la mobilitazione popolare non impone la propria volontà! Che tutti i sindacati di base seguano l’esempio di USB Lavoro Privato e non rispettino la precettazione dello sceriffo Salvini
(... Leggi il testo completo del comunicato)

Comunicato CC 30/2023 - 7 dicembre 2023

Mobilitarsi contro i mezzi di comunicazione complici e tifosi dei crimini dello Stato sionista d’Israele!

Sviluppare la solidarietà con l’eroica resistenza palestinese!

... Una valanga di menzogne ha inondato le masse popolari per cercare di sedare il vento di riscossa sollevato in tutto il mondo dall’offensiva della resistenza palestinese, sopprimere il grande sentimento di solidarietà verso le masse popolari di Gaza e Cisgiordania, coprire di disinformazione il genocidio scatenato dalle forze armate israeliane contro la popolazione di Gaza che già prima dei giorni di precaria tregua aveva fatto 14.854 morti tra cui 6.150 bambini, circa 36.000 feriti e almeno 6.180 dispersi (dati del Ministero della Sanità della striscia di Gaza, aggiornati al 26 novembre) (... Leggi il testo completo del comunicato)

Comunicato CC 29/2023 - 23 novembre 2023

Per Giulia e per Anila, per tutte le donne delle masse popolari da “capitalismo, discriminazioni, patriarcato, disuguaglianze”

Il governo di nostalgici del ventennio, di razzisti in doppio petto e di questurini incalliti guidato dalla “donna, madre, cristiana” Giorgia Meloni ha selezionato ad arte e cercato di usare l’uccisione di Giulia Cecchettin per montare una grande operazione di diversione e intossicazione delle masse: non solo una martellante campagna mediatica, ma anche la mobilitazione di insegnanti e studenti a osservare un minuto di silenzio nelle scuole di ogni ordine e grado. Questa operazione ha un unico obiettivo: promuovere l’“unità nazionale” attorno al governo che si erge a campione della lotta contro il femminicidio promettendo più controlli, più braccialetti elettronici e pene più severe contro “i mostri che molestano e uccidono le donne” (... Leggi il testo completo del comunicato)

Comunicato CC 28/2023
15 novembre 2023

17 novembre: un nemico, un fronte, una lotta!

Il 17 novembre nelle principali città del nostro paese scenderanno in piazza studenti di scuole medie superiori e università in occasione della giornata internazionale per il diritto allo studio e all’istruzione pubblica. Una vasta parte delle attività produttive del centro Italia e a livello nazionale i lavoratori di scuola, ricerca, università, uffici pubblici e trasporti sciopereranno in occasione dello sciopero generale a tappe promosso da CGIL e UIL contro la finanziaria del governo Meloni.
Si mobiliteranno i lavoratori iscritti al SI Cobas che ha indetto sciopero in solidarietà con la lotta del popolo palestinese e i lavoratori iscritti all’USB che ha indetto sciopero generale nel settore del Pubblico Impiego, a cui ha aderito anche la Confederazione Cobas Pubblico Impiego.

(... Leggi il testo completo del comunicato)

Comunicato CC 27/2023
7 novembre 2023 - 106° Anniversario della Rivoluzione d’Ottobre

Trasformare la solidarietà con la resistenza palestinese e l’indignazione per i crimini dello Stato sionista di Israele in ribellione, organizzazione e lotta contro il governo Meloni, complice dei sionisti, servo degli imperialisti USA-NATO e compare degli imperialisti UE.

Seguire l’esempio degli studenti dell’Università Orientale di Napoli: occupare le università del nostro paese che hanno accordi di cooperazione con centri di ricerca, agenzie, aziende, enti privati e pubblici israeliani.

Università degli Studi di Ferrara, La Sapienza di Roma, Università degli Studi di Brescia, Ca’ Foscari di Venezia, Università degli Studi di Bologna, Università Federico II di Napoli, Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, Padova e Trento, Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati di Trieste, Università di Catania sono solo alcune delle università che collaborano con i sionisti: un elenco più dettagliato è disponibile nell’articolo Sovranità nazionale e ricerca scientifica pubblicato su La Voce 73.


Moltiplicare iniziative come quelle dei lavoratori del CALP di Genova: bloccare porti, aeroporti e centri della logistica dove transitano le armi destinate ai sionisti.


Estendere e rafforzare iniziative come quelle della CGIL di Lucca: non solo disertare ma anche boicottare gli eventi patrocinati e a cui partecipano i sionisti.

(... Leggi il testo completo del comunicato)

Comunicato CC 26/2023
5 novembre 2023

Solidarietà e onore a tutti i volontari che si mobilitano per soccorrere le vittime della devastazione del paese!

Le alluvioni che colpiscono varie zone del nostro paese, in particolare oggi la piana fiorentina e soprattutto Prato e Campi Bisenzio, mostrano ancora una volta cosa significa concretamente la gestione del territorio lasciata alle autorità pubbliche dei capitalisti...
Al disastro - sette morti solo nella piana fiorentina, residenti sfollati, case isolate, ponti crollati, canali esondati, ospedali allagati - è seguita però la pronta mobilitazione di volontari, tra cui molti gli attivisti di Extinction Rebellion, Fondo Riparazione-Ultima Generazione e altre organizzazioni che da alcuni anni promuovono azioni di disobbedienza civile come blocchi stradali, imbrattamenti di edifici pubblici con vernici lavabili, proteste nei musei, ecc. per indurre il governo a eliminare investimenti pubblici nei combustibili fossili e opere connesse (come ad esempio il rigassificatore di Piombino) e denunciano la crisi ecologica globale di cui l’emergenza climatica è la manifestazione più lampante

(... Leggi il testo completo del comunicato)

Comunicato CC 25/2023
3 novembre 2023

Appello del (n)PCI a tutti i membri delle comunità ebree esistenti in Italia a mobilitarsi contro il sionismo e il genocidio del popolo palestinese

Dal 7 ottobre 2023, quando Hamas e altri organismi con l’operazione militare “Diluvio di Al-Aqsa” hanno confermato che la resistenza palestinese alla persecuzione sionista è viva e si è rafforzata, in Italia la stragrande maggioranza dei mezzi di comunicazione e di manipolazione delle idee e dei sentimenti (giornali, televisioni, radio) e i politicanti del teatrino delle Larghe Intese martellano le masse popolari del nostro paese con triti messaggi: “L’antisemitismo sta riesplodendo in Italia e in Europa”, “Allarme per le comunità ebree, possibili vittime di attacchi terroristici in Italia e nel mondo” e via di seguito, occultando o minimizzando sia i dati della pulizia etnica nella Striscia di Gaza e nel resto della Palestina occupata, sia gli attacchi ai sostenitori della causa palestinese in Italia.
La complicità del governo della Repubblica Pontificia con lo Stato sionista d’Israele

(... Leggi il testo completo del comunicato)

Comunicato CC 24/2023
31 ottobre 2023

4 Novembre, Giorno dell’Unità nazionale: anche tra le fila delle Forze Armate bisogna organizzarsi e lottare contro la sottomissione del nostro paese ai gruppi imperialisti USA, sionisti ed europei!
Fermare i promotori della Terza guerra mondiale!

Il 4 Novembre, Giorno dell'Unità nazionale (indicato non ufficialmente anche come Giornata dell'Unità nazionale e delle Forze armate) è una delle più importanti giornate celebrative che i vertici della Repubblica Pontificia utilizzano per promuovere iniziative in tutta Italia, con il fine di nascondere l’azione antipopolare condotta dai loro governi e la sottomissione del nostro paese ai gruppi imperialisti USA, sionisti ed europei. Il Giorno dell’Unità nazionale fu istituito per “commemorare” la fine della Prima guerra mondiale con l'entrata in vigore dell'armistizio firmato il 3 novembre 1918. L’armistizio sancì la resa dell'Impero austro-ungarico al Regno d’Italia e permise all'Italia l'annessione di Trentino Alto Adige e Venezia Giulia, fu firmato con la morte di oltre 650.000 soldati italiani e circa 2 milioni di feriti e mutilati su quasi 6 milioni di soldati chiamati alle armi, la morte di un numero imprecisato di civili a causa dello sviluppo di carestie e epidemie (influenza spagnola) causate dalla guerra, a cui si aggiungono i 350.000 processi e le 150.000 condanne (di cui oltre 4.000 a morte) contro i soldati italiani che si ribellarono agli ordini di dirigenti criminali e guerrafondai.
In nome della strage della Prima guerra mondiale, i vertici della Repubblica Pontificia e il governo Meloni, con il Ministro della Difesa Guido Crosetto, vogliono continuare nel sostegno alla guerra per interposta persona che i gruppi imperialisti USA conducono contro la Federazione Russa in Ucraina fino all’ultimo ucraino

(... Leggi il testo completo del comunicato)

Comunicato CC 23/2023
20 ottobre 2023

Saluto alla Conferenza Internazionale - Per una pace vera, per una pace giusta: ai promotori e partecipanti

Cari compagni,
il (nuovo)PCI saluta la “Conferenza Internazionale - Per una pace vera, per una pace giusta” che si terrà a Roma nei prossimi 27-28 ottobre e riunirà in Italia esponenti della lotta antimperialista, progressista e democratica di molti paesi.
Il Comitato promotore della Conferenza auspica la formazione di “un mondo basato sul rispetto di ogni popolo e di tutte le nazionalità”. Ottimo! Tale mondo è il socialismo: infatti, a chiunque andrà a fondo nella ricerca della fonte principale delle guerre che oggi imperversano nel mondo e causano tante sofferenze e distruzioni, risulterà che essa sta nei contrasti tra i grandi capitalisti produttori di merci, finanzieri o speculatori e nell’oppressione che essi esercitano sui lavoratori del proprio paese e sui popoli di altri paesi. (... Leggi il testo completo del comunicato)

Comunicato CC 22/2023
16 ottobre 2023

Cacciare il governo Meloni e farla finita con l’economia di guerra e la sottomissione del nostro paese ai gruppi imperialisti USA!

Promuovere la più ampia partecipazione popolare alle iniziative di lotta del 20 ottobre in occasione dello sciopero generale dei sindacati di base e alle manifestazioni contro le basi militari USA-NATO del 21 ottobre a Ghedi (BS), Pisa, Palermo!

Lo sciopero generale del 20 ottobre indetto da SI Cobas, Adl Varese, Cub, Sgb, Usi e le manifestazioni indette per il 21 ottobre a Ghedi (BS), Pisa, Palermo, sono appuntamenti importanti in cui far convergere la più ampia partecipazione popolare e di lavoratori, con cui alimentare la lotta per cacciare il governo Meloni, per farla finita con l’economia di guerra e il protettorato USA sul nostro paese, per avanzare verso un governo d’emergenza delle masse popolari organizzate. (... Leggi il testo completo del comunicato)

Comunicato CC 21/2023
13 ottobre 2023

Finché vi è oppressione o sfruttamento, ben venga la ribellione!
Non lasciarsi accalappiare a sostegno dei sionisti, componenti della Comunità Internazionale dei gruppi imperialisti: è il primo criterio per orientarsi nel contesto internazionale!

La Un numero eccezionalmente alto dei destinatari del Comunicato CC 20/2023 - 10 ottobre 2023 (Mobilitare le masse popolari italiane a sostegno della lotta del popolo palestinese! Solidarietà con Hamas e con tutte le forze che si sollevano contro lo Stato sionista d’Israele, complice degli Stati e delle istituzioni imperialiste di tutto il mondo!), ha reagito inviando commenti alla Delegazione del (n)PCI.
Evidente l’onda emotiva suscitata dalle notizie del gran numero di morti civili, diffuse e spesso inventate dalle autorità sioniste e riprese ossessivamente su larga scala nella Repubblica Pontificia dal sistema di manipolazione delle menti e dei cuori delle masse popolari. Nei commenti predominano infatti il rifiuto della solidarietà con Hamas e con l’attacco lanciato sabato 7 ottobre contro lo Stato sionista d’Israele e l’auspicio della “pace” con i sionisti. (... Leggi il testo completo del comunicato)

Comunicato CC 20/2023
10 ottobre 2023

Mobilitare le masse popolari italiane a sostegno della lotta del popolo palestinese!
Solidarietà con Hamas e con tutte le forze che si sollevano contro lo Stato sionista d’Israele, complice degli Stati e delle istituzioni imperialiste di tutto il mondo!

La lotta contro lo Stato sionista d’Israele non è lotta contro gli ebrei. Per secoli nell’Europa cristiana dei signori feudali prima e dei capitalisti poi, gli ebrei sono stati perseguitati. La loro ribellione alla persecuzione si è sviluppata non a caso nel secolo XIX, quando è nato e si è sviluppato anche il movimento comunista e ha fatto parte della resistenza e della ribellione delle masse popolari europee. Karl Marx è nato ed è cresciuto in una famiglia ebrea. Il futuro delle masse popolari di origine ebraica, qualunque sia il paese in cui abitano e abiteranno, non sta nel successo dello Stato sionista d’Israele: sta nella loro partecipazione alle lotte dei popoli oppressi e delle classi sfruttate. (... Leggi il testo completo del comunicato)

Comunicato CC 19/2023
3 ottobre 2023

Oltre alla manifestazione del 7 ottobre, sono già previste altre mobilitazioni nazionali: lo sciopero generale del 20 ottobre indetto da SI Cobas, CUB, SGB, AdL Cobas e USI “contro guerra, carovita e precarietà, per aumenti salariali generalizzati e pari all’inflazione”, le mobilitazioni del 21 ottobre a Ghedi (BS), Coltano (PI), Palermo e Taranto contro la guerra e le basi USA-NATO, la manifestazione nazionale del 4 novembre contro la guerra e altre.

Fare della manifestazione del 7 ottobre e delle altre già in programma, di ogni mobilitazione nazionale e locale e di ogni lotta su obiettivi particolari le componenti di un movimento generale per cacciare il governo Meloni e sostituirlo con un governo di emergenza popolare!

La CGIL guidata da Maurizio Landini insieme ad ANPI, ARCI, Emergency, Medicina Democratica, Legambiente e altre centinaia di associazioni ha indetto per il 7 ottobre una manifestazione per “cambiare il paese” e “attuare la Costituzione”.
Anche stando alle dichiarazioni dei promotori la manifestazione del 7 ottobre può e deve diventare una dimostrazione di forza della classe operaia e delle masse popolari e dare avvio a un movimento generale
- per condurre con successo la comune battaglia contro il governo Meloni, contro i vertici della Repubblica Pontificia, contro la UE, la NATO e le altre istituzioni della Comunità Internazionale degli imperialisti europei, USA e sionisti,
- per cambiare il corso delle cose attuando le parti progressiste della Costituzione del 1948, a partire dall’attuazione su larga scala della parola d’ordine “un lavoro utile e dignitoso per tutti”.
Il (n)PCI impegna tutti i propri organismi e chiama i compagni e gli organismi che simpatizzano per la rivoluzione socialista che il Partito promuove, a sostenere e valorizzare la manifestazione del 7 ottobre: (... Leggi il testo completo del comunicato)

Comunicato CC 18/2023
19 settembre 2023

Assimilare la concezione comunista del mondo, svilupparla studiando ogni situazione particolare, applicarla per trasformare il mondo!

Chi vuole cambiare l’attuale corso delle cose deve imboccare la via della rivoluzione socialista, che nel nostro paese è la via del GBP. Oggi in un gran numero di comunisti e di proletari la sfiducia in se stessi prevale ancora di gran lunga sull’aspirazione a cambiare il corso delle cose. È il risultato dell’esaurimento della prima ondata mondiale della rivoluzione proletaria (1917-1976). (... Leggi il testo completo del comunicato)

Comunicato CC 17/2023
3 settembre 2023

Brandizzo (TO) è una strage annunciata! Altre seguiranno finché non costituiamo un governo d’emergenza subordinato agli organismi operai e popolari.

Da Brandizzo a Viareggio, dalla Thyssen Krupp allo stillicidio quotidiano di morti, infortuni e malattie professionali, dalla strage del Ponte Morandi a quella del Mottarone, dall’alluvione dell’Emilia Romagna al riscaldamento climatico, dalla strage di migranti agli stupri di Palermo e Caivano, dalle speculazioni sui prezzi degli alimenti e dell’energia alla povertà crescente, dalla guerra in Ucraina alla corsa agli armamenti e all’estensione della NATO nel Pacifico: la borghesia imperialista e le sue autorità sono una banda di criminali, il loro sistema di relazioni sociali è diventato un’arma di distruzione di massa. (... Leggi il testo completo del comunicato)

Comunicato CC 16/2023
27 agosto 2023

Engels e due lezioni per la lotta dei comunisti di oggi

Engels è stato, insieme a Marx, il fondatore del socialismo scientifico. La scoperta che la specie umana è evoluta da uno stato sostanzialmente non diverso da quello di altre specie animali superiori fino allo stato attuale e la scoperta delle leggi secondo cui questo processo è avvenuto hanno permesso “l’evoluzione del socialismo dall’utopia alla scienza”: da sogno di un mondo di giustizia, libertà e uguaglianza che l’umanità ha coltivato per millenni a scienza delle attività con le quali gli uomini fanno la loro storia e quindi a scienza della costruzione del mondo futuro. I comunisti sono coloro che usano questa scienza per promuovere l’emancipazione delle masse popolari dalla borghesia. (... Leggi il testo completo del comunicato)

Comunicato CC 15/2023
17 agosto 2023

Vendicare le vittime del crollo del ponte Morandi

Il 14 agosto, quinto anniversario del crollo del ponte Morandi di Genova, siamo stati tutti costretti a sentire i vertici e le autorità della Repubblica Pontificia (RP) esprimere il loro cordoglio per le vittime. I più spudorati di essi hanno persino osato dolersi della lentezza delle procedure giudiziarie che la loro magistratura ha comunque dovuto aprire a carico dei padroni e degli alti funzionari delle aziende - legate alla famiglia Benetton - che gestivano il ponte ed erano incaricate di farne la manutenzione. (... Leggi il testo completo del comunicato)

Comunicato CC 14/2023
2 luglio 2023

Contro la partecipazione del nostro paese alla guerra USA-NATO nasce la nuova Resistenza!

Il (nuovo)Partito comunista italiano chiama tutti i comunisti e tutti gli uomini e le donne coscienti del nostro paese a mobilitarsi per porre fine alla partecipazione dell’Italia alla guerra USA-NATO contro la Federazione Russa e alla repressione delle masse popolari ucraine ad opera del governo fantoccio presieduto da Zelensky e delle sue truppe regolari e irregolari. (... Leggi il testo completo del comunicato)

Comunicato CC 13/2023
18 giugno 2023

Silvio Berlusconi: gli effetti della sua opera che ogni lavoratore constata e le menzogne di complici e aspiranti successori

Gli esponenti politici della Repubblica Pontificia hanno approfittato della morte di Silvio Berlusconi lunedì 12 giugno per dare il via a una vasta campagna pubblicitaria del loro regime e di se stessi, complici e aspiranti successori del defunto. In effetti Berlusconi è stato l’uomo politico che più ha inciso sul corso delle cose nel nostro paese negli ultimi quaranta anni. Nella storia della Repubblica ha svolto un ruolo di livello eguale o superiore a quello di Alcide De Gasperi, Amintore Fanfani, Giulio Andreotti, Bettino Craxi (... Leggi il testo completo del comunicato)

Comunicato CC 12/2023
25 maggio 2023

Fare del 2 giugno una giornata di mobilitazione generale contro la partecipazione del nostro paese alla guerra USA-NATO in Ucraina, l’economia di guerra e il governo della guerra e della prostituzione del nostro paese agli imperialisti USA!

Le masse popolari hanno la forza per impedire le operazioni militari: la useranno e acquisiranno più fiducia in se stesse man mano che vedranno gli effetti delle prime loro operazioni contro la partecipazione alla guerra. Ai loro esponenti d’avanguardia spetta il compito di mostrarli. (...)


Comunicato CC 11/2023
17 maggio 2023

Solidarietà con le persone e le comunità colpite da alluvioni e siccità!

Alluvioni e siccità sono entrambe manifestazioni della devastazione dell’ambiente in cui vivono che gli uomini stanno facendo da quando la borghesia imperialista domina il corso della loro storia.

Mobilitare e organizzare le masse popolari a far fronte a ogni manifestazione concreta dell’opera catastrofica della borghesia imperialista, mirando a creare le condizioni necessarie a far avanzare la rivoluzione socialista che porrà fine al suo dominio! (...)

Comunicato CC 10/2023
5 maggio 2023

Il 9 maggio celebriamo il 78° anniversario della vittoria dell’Armata Rossa sovietica diretta dal partito comunista capeggiato da Stalin, contro l’aggressione nazifascista promossa dalle potenze e dai gruppi imperialisti di tutto il mondo. Tiriamone lezioni per fare avanzare nel nostro paese la seconda ondata della rivoluzione socialista!

Il governo Meloni non è la rinascita del fascismo in Italia!
Il governo Meloni è solo la miserabile versione italiana della distruzione delle condizioni dell’esistenza della specie umana che la borghesia imperialista sta compiendo in tutto il mondo!

(... Leggi il testo completo del comunicato)

Comunicato CC 09/2023
25 aprile 2023

Ai nuovi partigiani

Con la guerra in corso in Europa la Comunità Internazionale dei gruppi imperialisti USA, sionisti e UE cerca di estendere la NATO all’Ucraina e agli altri Stati sorti nel 1991 dalla dissoluzione dell’Unione Sovietica - la guerra in Europa si combina con la loro guerra contro la Repubblica Popolare Cinese e con la creazione dell’equivalente della NATO negli Stati rivieraschi dell’oceano Indiano e dell’oceano Pacifico.
La Costituzione frutto della vittoria della Resistenza vieta (articolo 11) la partecipazione dell’Italia alla guerra e l’accettazione di limitazioni della sovranità nazionale non in condizione di parità con gli altri Stati.
In Italia compete ai nuovi partigiani il compito di

portare a un livello superiore la lotta contro la partecipazione dell’Italia alla guerra USA-NATO contro la Federazione Russa!

Comunicato CC 08/2023
7 aprile 2023

Il sistema politico dei paesi imperialisti
e il VI Congresso Nazionale del P.CARC

Il sistema di governo della borghesia è in subbuglio in tutti i paesi imperialisti: Francia e USA sono i casi più all’ordine del giorno. A contenere la crisi politica non basta la manipolazione delle informazioni, per quanto il complesso militare-industriale-finanziario USA la promuova forsennatamente - la serie di articoli di Daniele Luttazzi pubblicati su il Fatto Quotidiano dal 30 marzo a questa parte ben documenta l’opera internazionale di CIA, FBI e NSA.

In ogni paese imperialista, particolari e specifici del paese sono molti dei motivi e delle manifestazioni della crisi politica, ma comune è la causa di fondo: la sovrapproduzione assoluta di capitale. Questa è ripresa negli anni ’70 del secolo scorso, una volta che in Europa la borghesia era riuscita a evitare l’instaurazione del socialismo e a terminare la ricostruzione postbellica.

(... Leggi il testo completo del comunicato)

Comunicato CC 7/2023 - 14 marzo 2023

[Scaricate il testo del comunicato in Open Office / Word ]

Al Collettivo di Fabbrica e agli operai della GKN di Firenze

Rompere l’assedio di Borgomeo, dei suoi padrini e complici!
Combattere a modo nostro fino a vincere!

Ai solidali del movimento di resistenza, delle organizzazioni politiche e sindacali, della società civile

Nella loro Lettera aperta al movimento sindacale, a tutte le organizzazioni sindacali, a delegate, delegati, semplici iscritte e iscritti, lavoratrici e lavoratori, il Collettivo di Fabbrica e gli operai della GKN denunciano l’assedio in cui Borgomeo li ha stretti “per indurre il numero maggiore possibile di lavoratori a licenziarsi e per punire e piegare la resistenza lunga 20 mesi dell’assemblea permanente creatasi dopo la delocalizzazione della produzione”, un assedio che “si compone di due direttrici: fare terra bruciata attorno alla lotta con la calunnia... e prendere per fame e sfinimento gli assediati”
(... Leggi il testo completo del comunicato)

Comunicato CC 6/2023 - 26 febbraio 2023

[Scaricate il testo del comunicato in Open Office / Word ]

La strage di Crotone non è un incidente!
Non lacrime di coccodrillo, ma governo d’emergenza!

Basta con le stragi di emigranti, basta con la guerra, basta con l’inquinamento, basta con lo smantellamento dell’apparato produttivo!

Per fare in Ucraina la guerra USA/NATO contro la Russia le autorità europee e italiane sanno raccogliere forze. Quando gli emigranti che naufragano in mare sono troppi per ignorarli, sanno solo piangere e invocare l’uno l’intervento dell’altro. Papa Francesco esorta accorato i fedeli a pregare la madonna per gli emigranti vivi e morti.
Ma chi è che devasta l’Africa e i paesi del Medio Oriente? Chi è che impone sanzioni all’Iran, che apre miniere e pozzi e crea piantagioni in Africa cacciando i contadini dalla terra? Chi è che manda soldati a fare operazioni umanitarie in decine di paesi? Chi è che di anno in anno moltiplica i profitti? (... Leggi il testo completo del comunicato)

Comunicato CC 5/2023 - 16 febbraio 2023

[Scaricate il testo del comunicato in Open Office / Word ]

La grande bufala della “grande vittoria della destra”

Dare un obiettivo politico alla crescente mobilitazione delle masse popolari!

Anche l’esito delle elezioni regionali del 12 e 13 febbraio 2023 nel Lazio e in Lombardia ha confermato che cresce il distacco delle masse popolari dagli esponenti politici dei vertici (Vaticano, gruppi imperialisti USA/NATO, gruppi imperialisti UE, clan della Criminalità Organizzata, Associazioni Padronali) della Repubblica Pontificia (RP).
In particolare ha mostrato che il successo ottenuto dal partito di Giorgia Meloni, Fratelli d’Italia, nelle elezioni politiche dello scorso 25 settembre è aleatorio: era dovuto all’apparente opposizione di FdI al governo pro UE e pro NATO delle Larghe Intese presieduto da Mario Draghi (succeduto nel febbraio 2021 all’esaurimento dei governi Conte - M5S) ed è stato anzi una conferma dell’opposizione delle masse popolari alle autorità della RP.
Infatti FdI ha raccolto (... Leggi il testo completo del comunicato)

Comunicato CC 4/2023 - 10 febbraio 2023

[Scaricate il testo del comunicato in Open Office / Word ]

A ogni individuo convinto che il socialismo è necessario e deciso a instaurarlo

Costruire nei paesi imperialisti partiti comunisti più avanzati di quelli che hanno operato durante la prima ondata della rivoluzione proletaria!

Di quale partito comunista hanno bisogno le masse popolari italiane per diventare una forza capace di instaurare il socialismo?

Le grandi mobilitazioni delle masse popolari del 19 e 31 gennaio e del 7 febbraio hanno confermato l’instabilità del regime politico della borghesia imperialista in Francia. Lo stessa cosa mostrano in queste settimane le mobilitazioni delle masse popolari in Gran Bretagna, in altri paesi imperialisti e negli stessi USA, paese capofila del sistema imperialista mondiale. La stessa cosa mostrano in Italia l’astensione elettorale del 25 settembre scorso, le proteste e le mobilitazioni rivendicative. Nei paesi imperialisti la borghesia non è in grado di governare senza un certo livello di consenso e di collaborazione della massa della popolazione. La mobilitazione delle masse popolari conferma quindi che siamo in una situazione rivoluzionaria in sviluppo. (... Leggi il testo completo del comunicato)

Comunicato CC 3/2023 - 6 febbraio 2023

[Scaricate il testo del comunicato in Open Office / Word ]

A cosa serve il viaggio di papa Francesco in Africa
A fronte all’esaurimento della prima ondata mondiale della rivoluzione socialista, promuoviamo la seconda ondata lottando per instaurare il socialismo nel nostro paese!

Alle masse popolari italiane il sistema preposto alla manipolazione delle loro idee e dei loro sentimenti ha presentato il viaggio che dal 31 gennaio al 5 febbraio papa Francesco, il capo della Chiesa Cattolica, ha fatto in Africa come un’iniziativa contro le guerre, la miseria, le malattie, l’emigrazione che imperversano nel continente. Certo papa Bergoglio ha denunciato le condizioni in cui le masse popolari africane vivono, lavorano e muoiono, ma ha nascosto i responsabili e le cause di esse. Sta a noi comunisti propagandare tra le masse popolari del nostro paese che a imporre l’attuale corso delle cose in Africa è la stessa Comunità Internazionale dei gruppi imperialisti europei, USA e sionisti che opprime le masse popolari italiane. Il papa invece si è rivolto alle masse popolari africane come se le loro condizioni dipendessero dai loro sentimenti, da dio e dai santi del paradiso. Ma chi ha imposto il neocolonialismo in Africa? Chi lo impone? Cosa devono fare le masse popolari africane per porvi fine e dare inizio a una nuova vita? (...)

Comunicato CC 2/2023 - 30 gennaio 2023

[Scaricate il testo del comunicato in Open Office / Word ]

Celebriamo l’80° anniversario della vittoria dell’Armata Rossa a Stalingrado

Consolidare e rafforzare il partito comunista nella clandestinità!
Elevare il livello del movimento comunista cosciente e organizzato!
Moltiplicare le Organizzazioni Operaie e Popolari tese a costituire il GBP!
Allargare il Fronte anti-Larghe Intese!(...)

Comunicato CC 1/2023 - 18 gennaio 2023

[Scaricate il testo del comunicato in Open Office / Word ]

Celebriamo il 102° anniversario della fondazione del primo Partito comunista italiano!

Imparare, assimilare e applicare le lezioni che abbiamo tratto dal bilancio dell’esperienza del primo PCI!

Imparare, assimilare e applicare le lezioni che abbiamo tratto dal bilancio dell’esperienza del primo PCI!
L’epoca imperialista è l’epoca della rivoluzione socialista e della decadenza della società borghese(...)

Leggi i comunicati del 2022

Leggi i comunicati del 2021

Leggi i comunicati del 2020

Leggi i comunicati del 2019

Leggi i comunicati del 2018

Leggi i comunicati del 2017

Leggi i comunicati del 2016

Leggi i comunicati del 2015

Leggi i comunicati del 2014

Leggi i comunicati del 2013

Indice generale
dei comunicati CC del (nuovo)PCI

 
La Voce