Denaro e materie del denaro - Rapporti Sociali 2 - novembre 1988

Denaro e materie del denaro

Rapporti Sociali n. 2, novembre 1988  (versione Open Office / versione MSWord )

Scheda illustrativa delle materie del denaro, delle operazioni cui danno luogo, delle contraddizioni inerenti

Sul denaro, sulle varie forme (materie) del denaro nella pubblicistica corrente e nella cultura accademica predomina una vasta confusione, adeguata alla cura con cui viene steso un velo di “doveroso riserbo” sulle operazioni finanziarie presenti e passate. È più facile conoscere i dettagli degli amori della regina Vittoria che avere ragguagli sulle operazioni finanziarie dei suoi amministratori!

In questa scheda abbiamo cercato

- di individuare tutte le funzioni che i membri della società borghese svolgono attraverso il denaro, descriverle e attribuire ad ognuna di esse un nome:

merce universale,

equivalente generale,

equivalente particolare (prezzo),

misura della grandezza del valore,

mezzo di conservazione del valore,

unità di conto,

mezzo di scambio,

mezzo di tesaurizzazione,

mezzo di risparmio,

mezzo di pagamento,

materia dei contratti,

denaro produttivo di interesse,

capitale;

- di raggruppare le innumerevoli cose usate per svolgere tutte o alcune di quelle funzioni in gruppi di cose omogenee economicamente (ossia per i rapporti sociali di cui sono mezzo, per le contraddizioni e quindi le possibilità di sviluppo che presentano, per l'ambito (locale-nazionale o mondiale) in cui sono usate), di descrivere ogni gruppo e di dare ad ognuno un nome individuando così le materie (espressioni fenomeniche) del denaro economicamente omogenee:

merce particolare (oro),

monete (d' oro),

denaro ideale (materia dei prezzi e dei contratti),

banconote (convertibili in monete d'oro),

cartamoneta,

titoli di credito (cambiali, obbligazioni, titoli del Debito Pubblico, conto bancario e assegno).

Di conseguenza abbiamo messo in un unico gruppo cose che nel linguaggio della cultura corrente portano nomi diversi (e quindi corrispondono a categorie diverse nella teoria economica borghese) e abbiamo scisso, ponendole in gruppi distinti, cose che portano lo stesso nome (e quindi nella teoria economica borghese corrispondono ad un' unica categoria).

Analizzando la realtà, l'uomo la scompone nella sua mente in funzioni, ruoli ed entità distinti. Le unità in cui scompone il reale sono peculiari di ogni analisi. Di conseguenza lo è anche dizionario. La cultura borghese chiama “capitale” l'aratro del servo della gleba, l'aratro del salariato dell'impresa agricola Ferruzzi spa, le azioni della CIR di De Benedetti. Per cui invitiamo i nostri lettori a non attribuire ai termini che incontrano nel nostro scritto il vago significato corrente, ma quello che viene ad essi dato nello scritto stesso.

Questa scheda va letta alla luce del punto 13 di Rapporto di capitale e dei capitoli 1 e 3 del libro 1 di Il capitale di K. Marx.

Il denaro è un rapporto tra persone mediato da cose (materia del denaro): non esiste rapporto di denaro senza una cosa che funge da denaro, anche se essa non è sempre presente ogni volta che la si evoca (ad esempio quando il denaro è unità di conto, prezzo, ecc.). Quindi lo sviluppo del denaro è sviluppo del rapporto di denaro e sviluppo della materia del denaro.

Per comprendere le vicende che costituiscono la storia delle società borghesi nella fase imperialista è necessario conoscere le caratteristiche formali (1) delle materie con cui si è attuato il rapporto di denaro: è quello che illustriamo in questa scheda.

Nella scheda chiamiamo denaro sia il rapporto sociale sia le materie che lo veicolano, ognuna delle quali ha proprie caratteristiche e proprio nome (monete, banconote, cartamoneta, titoli di credito, conto bancario, ecc.).

Il denaro viene al mondo migliaia di anni fa, quando la produzione di merci esisteva ancora solo come fatto secondario e marginale, nello spazio lasciato libero da altri modi di produzione. Dai suoi lontani inizi il denaro ha avuto grandi e numerosi sviluppi in concomitanza

- con le vicissitudini dei modi di produzione predominanti,

- con l'espansione della produzione di merci,

- con la nascita e lo sviluppo della produzione capitalistica,

- con la socializzazione dell'intero processo produttivo che, nell'arco di tempo in cui si svolge l'evoluzione del denaro, passa dall'essere principalmente un rapporto tra un gruppo comunitario di uomini (orda, clan, famiglia, ecc.) e il resto della natura all'essere principalmente un rapporto di ogni uomo con gli altri uomini, cioè un processo eminentemente sociale mediato dal denaro.

Ripercorriamo le fasi dello sviluppo del denaro, per comprendere l'attuale significato e ruolo sociale del denaro.

1. Gli inizi del denaro

I passaggi attraverso cui nasce il denaro sono i seguenti (2).

1. I produttori scambiano tra loro merci differenti per l'uso M - M'. Ogni volta che un proprietario scambia o contratta lo scambio di una merce con il proprietario di un'altra, egli

- esprime il fatto che la sua merce è un valore equiparandola alla merce della sua controparte che egli pone come equivalente alla sua,

- esprime la grandezza del valore della sua merce nella quantità dell'altra merce che egli chiede in cambio.

Quando lo scambio si conclude, ogni parte riconosce l'equivalenza posta dall'altra (esempio: una tela di 5 metri è eguale a grano per 10 chili, grano per 10 chili è eguale a tela di 5 metri) (3).

1. Ossia le caratteristiche rilevanti ai fini dei rapporti economici, quindi relative alla forma del processo di produzione e riproduzione delle condizioni materiali dell'esistenza, ai rapporti nell'ambito dei quali il processo è compiuto, ai rapporti di produzione.

 

2. La nascita del denaro nello scambio di merci è illustrata e spiegata da Marx in I1 capitale, libro I, sezione I, capitolo 1, punto 3.

 

3. Risulta già da quanto detto fin qui che nella nascita del denaro si manifestano due aspetti diversi:

- l'equiparazione di due merci diverse come uguali (tela uguale a grano),

- il rapporto quantitativo in cui le due merci sono equiparate (5 metri di tela eguale a 10 chili di grano).

Per maggiori chiarimenti su questo, cfr. in questo numero di Rapporti Sociali lo scritto Rapporto di capitale, punto 1.3.

2. Nello scambio M - M', scambio diretto (baratto), M' è forma semplice, espressione diretta e immediata del carattere di valore di M, suo equivalente particolare (uno tra i tanti possibili).

Quando in una società i produttori scambiano tutte le merci M con una merce D, la merce D, oltre a continuare ad essere merce particolare e quindi a dar luogo alle operazioni M - D e D - M, viene a costituire un intermediario dello scambio M - M' (mezzo di scambio) delle altre merci, che può diventare (e quindi diventa) M -D-M'.

D diventa mezzo di scambio perché e solo perché gli scambi M - D e D - M sono in quella società sempre possibili. Cioè D è in quella società equivalente generale (ossia equivalente particolare di tutte le merci) e merce universale (ossia merce di cui tutte le altre sono equivalenti particolari).

A causa delle sue qualità naturali e dell'uso a cui queste qualità lo rendono atto, D viene quindi ad assumere in quella società il ruolo di equivalente generale e di merce universale. Questo ruolo conferitogli dalla pratica sociale, fa sì che D entri in operazioni in cui le sue qualità naturali non hanno alcuna importanza: M - D - M'. In questa operazione al proprietario di M interessa entrare in possesso di D solo per potere avere M', D interessa a lui solo in quanto equivalente particolare di M', cioè prezzo di M': il prezzo di una merce è infatti la quantità di D contro cui essa viene scambiata. In fatto che D sia una merce, la grandezza del valore di D e le qualità naturali di D, a lui sono indifferenti.

D è il denaro in quella società. Esso è contemporaneamente una merce particolare, equivalente generale di tutte le altre merci, merce universale, merce nella quantità della quale gli uomini misurano la grandezza del valore di tutte le merci, mezzo di circolazione di tutte le altre merci indifferente al suo essere merce, prezzo di tutte le merci (ossia equivalente particolare di ognuna di esse). Troppi ruoli nella stessa cosa: inevitabilmente ne vedremo di belle! Infatti le diverse funzioni danno origine a dinamiche diverse, anche se sono svolte dalla stessa merce-denaro, sono mediate dalla stessa materia di denaro. Proprio per questo le dinamiche diverse si manifestano come contraddizioni nella materia del denaro.

Inizialmente quindi la materia del denaro è una merce. Da epoca a epoca e da zona a zona sono assurte al ruolo di denaro merci diverse. Trascuriamo gli effetti formali originati dalle caratteristiche particolari delle merci usate come denaro. Consideriamo solo quella più usata: l'oro.

Una volta venuto al mondo, il denaro ha percorso varie fasi di sviluppo. Con l'evoluzione del carattere sociale del processo produttivo di cui è espressione, il rapporto di denaro è diventato più ricco di contenuti e la materia del denaro ha subito varie trasformazioni, cessando tra l'altro di essere una merce particolare e quindi un valore, di avere una propria grandezza di valore e quindi di poter essere misura della grandezza di valore e mezzo di conservazione del valore (4).

4. Lo sviluppo del denaro è descritto da Marx in Il capitale, libro I, sez. I, capitolo 3.

2. La successione delle materie di denaro

2.1. Oro metallo

Lo scambio saltuario si sviluppa in produzione di merci, produzione per lo scambio nell'ambito di un organismo sociale di divisione del lavoro. La materia del denaro è oro in polvere o in pezzi.

Il prezzo delle varie merci è espresso in peso d'oro (ad esempio, 100 kg di grano = 240 g oro). Qui già esiste la possibilità che i prezzi divergano dalla grandezza di valore della merce, possibilità che è insita nella forma stessa del prezzo (vedi nota 3).

L'oro compare materialmente (come polvere o in pezzi, misurato a peso) come merce particolare nelle operazioni M - D di colui che vuole avere oro per gli usi specifici dell'oro e D - M di colui che vuole avere M ed ha oro prodotto come merce, come mezzo di scambio nell'operazione M - D - M' di colui che ha M e vuole avere M'.

Nell'operazione M - D - M' l'operatore è indifferente all'oro, eppure deve effettuare ben due controlli del peso e della qualità dell'oro: quanto vende M e quando compera M'.

La frode sul peso e sulla qualità dell'oro è relativamente facile.

2.2. Monete d'oro (coniazione libera)

La produzione di merci si diffonde, quindi lo scambio diventa un’operazione regolare e abituale. L'impiego dell'oro come mezzo di scambio porta alla monetazione dell'oro. Un'istituzione autorevole crea una zecca per coniare l'oro e produce pezzi d'oro (monete) di qualità e peso indicati, con impresso il suo sigillo a garanzia e con nome proprio: un pezzo di 8 g d'oro con sigillo di garanzia della Zecca Reale d'Inghilterra è una sterlina. Chi vuole usare oro negli scambi, può portarlo alla zecca e farlo coniare. La zecca viene ricompensata con una quota d'oro. La coniazione è un atto liberamente deciso dal proprietario dell'oro. Parimenti il possessore di monete d'oro può liberamente fonderle e destinare l'oro ad altri usi. Vengono represse la contraffazione dei sigilli e le frodi perpetrate nelle zecche.

Le monete, nate dal denaro come mezzo di scambio, sostituiscono l'oro metallo anche come materia in cui è indicato il prezzo delle merci. Il prezzo delle merci viene espresso non più in peso d'oro, ma in numero di monete: 100 kg di grano = 30 sterline.

La materia del denaro incomincia a distinguersi dalla merce-denaro (l'oro). L'oro coniato (moneta) e l'oro non coniato iniziano ad avere vite distinte. Si crea un prezzo dell'oro. Il prezzo dell'oro non coniato viene espresso in un certo numero di monete d'oro, es. 80 g d'oro = 10 sterline.

La coniazione delle monete introduce la possibilità di un prezzo in monete dell'oro non coniato che porta a equiparare due quantità diverse di metallo (per esempio, 288 g d'oro non coniato vengo scambiati con 30 sterline, che contengono 240 g d'oro coniato), una delle quali però è anche denaro.

Si crea in generale la possibilità di monete che vengono scambiate con merce avente grandezza di valore diversa da quella del loro contenuto in oro: il potere d'acquisto della moneta diverge dal prezzo del suo contenuto aureo (nell'esempio fatto, il prezzo di 240 g d'oro, che è quanto ne contengono 30 sterline, è 25 sterline).

Fin qui il denaro è solo un risultato e un aspetto del rapporto valore, vale a dire della produzione di merci. Si ha un'“economia naturale” (per il consumo) mediata dallo scambio (e quindi dal denaro).

Ma mentre l'oro è una “creatura del buon dio”, le monete d'oro sono creature della zecca e sono riconosciute come tali solo nella società in cui si usano: sono un prodotto sociale. La moneta di una sterlina si distingue da 8 g d'oro in questo: 8 g d'oro servono ad uso ornamentale, odontoiatrico, rituale, ecc. anche se viene meno il mondo delle merci; una sterlina serve al suo uso solo in una società in cui esistono merci e queste vengono scambiate contro sterline.

Le monete vengono usate come mezzo di scambio e alcune monete continuano perciò a circolar da una borsa all'altra. Quante monete d'oro restano perennemente confinate in questa funzione? Quante sono le monete richieste (necessarie) per la circolazione, che sono impiegate come mezzo di scambio? Una quantità eguale alla somma dei prezzi delle merci scambiate in un certo periodo divisa per il numero di scambi che ogni moneta media in questo stesso periodo. In realtà ogni singola moneta può entrare e uscire dalla circolazione, a seconda delle vicende del proprietario della borsa in cui si trova. Per il possessore di merci che usa le monete solo come intermediarie per lo scambio di merci, il valore del metallo e la quantità del metallo in esse contenuto sono indifferenti: a lui interessa solo il potere d'acquisto della moneta.

La quantità di denaro che funge da mezzo di circolazione è ogni momento una grandezza determinata. La coniazione crea possibilità di variare ad arbitrio, a parità di altre condizioni, la quantità di monete coniate e quindi crea la divergenza quantità di monete coniate e quantità di monete richieste dalla circolazione delle merci.

Le monete possono uscire dalla circolazione e

- andare a costituire tesori diventando mezzo di tesaurizzazione,

- andare a costituire fondi di riserva diventando mezzo di conservazione del valore (risparmio),

- venire fuse e usate come metallo negli usi propri dell'oro, al di fuori di quello di denaro.

Le monete possono anche entrare nella circolazione in quanto:

- monete che costituivano tesori o fondi di riserva rientrano nella circolazione,

- oro che era adibito ad altri usi oppure oro di nuova produzione viene portato alla zecca per essere coniato.

In questi movimenti di ingresso e di uscita dalla circolazione nasce però una contraddizione tra le monete come mezzo di circolazione (di cui interessa solo il potere d'acquisto del momento), le monete come mezzo di conservazione del valore e mezzo di tesaurizzazione (di cui interessa il potere d'acquisto di domani e il contenuto metallico che è quello che è, non soggetto ad azione sociale) e le monete come oro-metallo (di cui interessa il solo contenuto metallico).

Qui nasce la possibilità del prestito di monete, cioè prestito d'oro coniato che diventa produttivo d'interesse, un passo verso il “denaro che crea denaro”, ossia il capitale.

2.3. Monete d'oro (monopolio della coniazione)

Quando le derrate alimentari e gli altri oggetti di consumo e impiego comuni sono prodotti come merci (quindi destinati all'operazione M - M' o M - D), si ha conferma e generalizzazione del denaro come merce universale (capace cioè di compiere l'operazione D - M con qualunque M).

Per lo scambio di merci diventa necessario avere monete perché la merce viene scambiata solo contro monete. Il possesso di monete diventa ben più vantaggioso che il possesso dello stesso valore in merce. L'operazione M - D - M' si scinde nelle due parti M - D e D - M' che hanno vita autonoma. La trasformazione della merce in moneta (la sua realizzazione) diviene l'obiettivo. Obiettivo finale per chi produce per accumulare denaro, obiettivo provvisorio per chi produce per scambiare. Per costui, una volta conseguita la realizzazione M - D, l'obiettivo diventa la conversione opposta D - M'. Ognuno dei due movimenti si svolge autonomamente, nelle condizioni di fatto esistenti: da cui di volta in volta il prevalere dei compratori o dei venditori.

Il denaro diviene allora anche mezzo di pagamento, cioè viene usato per soddisfare obblighi prima soddisfatti in natura e per acquisire prestazioni prima ricompensate in natura. Si diffonde l'uso di obblighi in moneta. Quindi le monete non sono usate sole come materia del prezzo e mezzi di scambio, ma anche per far fronte

- al pagamento di imposte, decime, rendite, affitti, pensioni, salari (al posto del pagamento in natura),

- al pagamento differito di obblighi assunti in cambio della consegna di merci e denominati in moneta (alla tal data pagherò un dato numero di quelle monete, per es. 90 sterline).

La funzione di mezzo di pagamento si affianca a quelle di prezzo, di mezzo di scambio, di mezzo di tesaurizzazione, di mezzo di conservazione del valore, di denaro produttivo d'interesse. Si hanno così più funzioni distinte, ognuna delle quali dà origine a tendenze diverse nello sviluppo del denaro, anche se sono svolte dalla stessa moneta.

L'impiego delle monete diventa diffuso e abituale. Le frodi diventano più facili e convenienti. La coniazione di monete, la disponibilità di monete e la loro corrispondenza alla qualità e al peso dichiarati diventano un aspetto importante dell'intero ordinamento sociale. Gli Stati iniziano ad intervenire nella creazione di moneta, a volte a scopo correttivo (per evitare esiti catastrofici di tendenze oggettive del sistema economico), a volte per procurare denaro alle casse dello Stato. Lo Stato è diventato il maggior acquirente di merci, il maggior pagatore (salari, stipendi, prebende, ecc.) e il maggior destinatario di pagamenti (imposte e tributi). Questa è la base economica che rende possibile il suo intervento in campo monetario e che si pone come complemento del suo potere coercitivo, il cui esercizio nell'ambito dell'economia mercantile viene limitato (5).

5. Cfr. l’articolo Rapporto di capitale, punto 1.2 in questo numero di Rapporti Sociali.

La coniazione delle monete è una fonte di lucro. Le frodi relative alle monete sono una fonte ancora più ampia di lucro. La repressione dei reati monetari assume dimensioni ragguardevoli. Gli interessi coinvolti nei reati monetari sono determinanti. La lotta tra le classi sociali si esprime in campo monetario (rapporti di debito e credito, obblighi in moneta, ecc.). La coniazione della moneta diviene un affare di Stato, sia come problema di ordine pubblico sia come fonte di lucro: guadagno di zecca e frode.

Gli Stati affrontano il problema

- riservando a sé la coniazione delle monete e i proventi connessi,

- riservando la coniazione delle monete ad alcune istituzioni dietro compenso per la concessione e la tutela del monopolio, regolamentando la coniazione delle monete.

La creazioni di mercati locali comprende, oltre alla creazione di uno Stato nazionale, anche la creazione di un'unità di conto locale, nella quale vengono espressi i prezzi e i contratti, pari a un dato peso d'oro: ad es. la sterlina pari a 8 g d'oro. A volte questa unità di conto è anche una moneta (esiste ad es. anche la moneta di una sterlina), ma non è necessario lo sia. Vengono invece coniate monete pari a multipli e frazioni dell'unità di conto. Per se stessa per l'unità di conto è denaro ideale e può non esistere come materia atta alle altre funzioni del denaro (come ad es. attualmente la lira italiana o l'ECU del Sistema Monetario Europeo che non esistono né come moneta né come biglietto): è la materia in cui vengono espressi i prezzi (1 kg di grano costa 1 sterlina, 1 paio di scarpe costa 45 sterline) e la materia dei contratti (benché nei contratti, oltre alla somma espressa in una unità di conto, di solito si specifichi anche in quale materia di denaro essa deve essere pagata).

In generale, gli Stati introducono il corso legate delle monete ossia l'obbligo imposto per legge

- ad ogni contraente di stipulare contratti solo nell'unità di conto e nella moneta corrente,

- ad ogni creditore di ritenersi soddisfatto del suo credito alla consegna della somma pattuita in monete correnti,

- ad ogni venditore di indicare il prezzo nell'unità di conto stabilita e di cedere la sua merce in cambio di monete correnti.

A questo punto si hanno tre cose distinte ma legate tra loro:

- un denaro ideale (unità di conto, materia dei prezzi e dei contratti),

- un denaro mezzo di scambio, mezzo di pagamento, mezzo di tesaurizzazione, mezzo di risparmio e produttivo di interesse (moneta),

- una merce-denaro (oro).

La moneta (oro coniato) viene ad avere vita e funzioni sempre più distinte dall'oro non coniato.

La coniazione e in generale anche la fusione delle monete non è più libera decisione degli individui in possesso di oro e di monete.

La quantità di moneta resa disponibile influisce sulla produzione, che è oramai produzione per il denaro. L'abbondanza di denaro è condizione favorevole alla crescita della produzione. La ricerca di denaro è indipendente dal bisogno di un mezzo per acquistare merci, perché esso è anche mezzo di pagamento, mezzo di conservazione del valore (risparmio), mezzo di tesaurizzazione, capitale. Il prezzo delle merci non è più un derivato della grandezza del loro valore (mediato dalle condizioni specifiche dello scambio), ma un derivato del loro costo di produzione più eventualmente la rendita. La variazione del potere d'acquisto della moneta altera la distribuzione della ricchezza tra le classi sociali e quindi diventa oggetto di lotta tra esse.

Lo Stato grazie al suo potere coercitivo può rendere attuale entro una certa misura, con le sue decisioni, la differenziazione possibile (vista sopra) tra moneta d'oro e oro-metallo, nel senso che le sue decisioni fanno sì che la moneta d'oro venga scambiata con merci di prezzo diverso dal prezzo dell'oro che essa contiene (6).

Nasce qui un altro fattore di divergenza tra grandezza del valore e prezzo delle merci.

6. Questo può succedere, a parte l'effetto di altre circostanze, quando l' autorità da cui dipende la coniazione dell'oro in monete, per sua volontà, non conia la quantità di monete richieste dall'espletamento delle funzioni di mezzo di scambio e di mezzo di pagamento.

In questo caso il prezzo di tutte le merci in monete d'oro cala: con 24 sterline (contenenti 192 g d'oro) compro 100 kg di grano il cui prezzo è quindi 24 sterline, mentre il prezzo di 192 g d'oro è 19,2 sterline. Le monete d'oro in circolazione rappresentano più oro di quanto ne contengono realmente. Quindi la moneta aurea cessa di rappresentare una grandezza di valore eguale alla grandezza di valore (tempo di lavoro socialmente necessario per la produzione) dell'oro in essa contenuto e diviene soltanto un riflesso della grandezza di valore complessiva delle merci in circolazione: il pezzo d'oro non circola pia per quello che esso è come merce, ma per quello che rappresenta come moneta. Ciò, oltre a rendere evidente che il ruolo di denaro svolto dall'oro è l'espressione di un rapporto sociale e non una qualità dell'oro, rende vantaggioso coniare di frodo monete.

Si ha un fenomeno per molti aspetti simile a quello che succede quando circolano monete usurate (o anche tosate), comunque con un contenuto effettivo d'oro inferiore a quello di coniazione.

Lo stesso fenomeno, rovesciato, può succedere se l'autorità da cui dipende la fusione delle monete in oro, per sua volontà non accetta o vieta di fondere le monete e quindi si trovano nella circolazione più monete di quelle richieste dalla circolazione delle merci. In questo caso, la grandezza di valore rappresentata da ciascuna moneta aurea diventa minore del suo contenuto in oro; il prezzo di tutte le merci in monete d'oro sale: con 45 sterline (contenenti 360 g d'oro) compro 100 kg di grano il cui prezzo quindi è 45 sterline, mentre il prezzo di 360 g d'oro è 67,5 sterline. Si ha cioè inflazione.

La differenza è che mentre nel primo caso - rifiuto di coniare monete - non è possibile introdurre altra moneta aurea nella circolazione (se si esclude la creazione di zecche clandestine!), nel secondo caso - rifiuto di fondere monete - è possibile far uscire la moneta aurea sovrabbondante: l'esportazione clandestina e la fusione all'estero della moneta aurea è un caso non raro nella storia degli eventi monetari.

Sia la sopravvalutazione (una moneta ha un potere d'acquisto superiore al prezzo della merce-denaro che contiene) che la sottovalutazione (un moneta ha un potere d'acquisto inferiore al prezzo della merce-denaro che contiene) della moneta aurea hanno dei limiti.

La sopravvalutazione della moneta aurea trova un limite superiore non solo nelle conseguenze economiche e politiche della rovina dei produttori che alla lunga segue ogni ribasso dei prezzi (le monete sono anche mezzi di pagamento e gli obblighi di pagamento dei produttori sono espressi in numero fisso di monete; a lungo andare, il ricavato delle vendite non le copre pia). Lo trova anche nella divergenza tra potere d'acquisto della moneta aurea e prezzo del suo contenuto aureo che spinge alla coniazione di frodo (con 19,2 sterline compro 192 g d'oro, conio 24 sterline, con esse compro 240 g d'oro e così via).

La sottovalutazione della moneta aurea trova un limite inferiore nella stessa divergenza che ora spinge a fondere monete e vendere l'oro così ricavato (fondo 45 sterline, vendo i 360 g d'oro per 67.5 sterline, le fondo, vendo i 540 g d'oro e cosi via).

Nasce il problema del cambio tra monete diverse, coniate nei confini dello stesso Stato (ad esempio monete d'oro e monete d'argento) e ancora più tra monete coniate in Stati diversi.

Nascono il mercato dei cambi e tutte le problematiche relative al controllo degli Stati sui cambi (vedi oltre al punto 3.1).

2.4. Banconote o assegni sull'oro

La permanenza di una data quantità di monete d'oro nella circolazione rende possibile e conveniente la loro sostituzione con assegni sull'oro, biglietti di carta che portano il nome di una data quantità di monete d'oro (ad es. biglietti da 5 sterline, 10 sterline), convertibili a vista in essa, banconote.

Le banconote nascono come assegni a vista sull'oro; chi le emette le cambia a vista e illimitatamente in una quantità prefissata e nota di monete d'oro. Esiste quindi piena convertibilità.

In questo caso le banconote circolano come le monete d'oro ed eventualmente accanto alle monete d'oro.

Ma proprio la funzione di mezzo di scambio svolta dal denaro rende superfluo il cambio in monete di una determinata quantità di banconote: quelle che restano perennemente nella circolazione. Questa quantità è determinata dal volume e dalle modalità della circolazione delle merci e in ogni momento è una quantità definita e approssimativamente stimabile.

L'autorità che emette le banconote (di solito una banca, da cui il nome) può quindi senza danno diretto altrui e con vantaggio proprio emettere banconote in numero corrispondente ad una quantità di oro superiore a quella che possiede effettivamente. Essa può quindi emettere quantità di banconote a sua discrezione entro certi limiti.

Ciò apre il campo alla circolazione fiduciaria. Vale a dire che una parte delle banconote emesse (e precisamente quella che corrisponde alla differenza fra la quantità di monete indicata dal totale delle banconote emesse e la quantità di monete posseduta) circola in base alle opposte fiducie: dell'emittente, che la conversione di quelle banconote in monete non verrà richiesta; di chi accetta la banconota, di poterla convertire in moneta. La banconota acquista così vita propria, indipendente da quella della moneta d'oro che sostituisce e che rappresenta.

Ma proprio perché la circolazione fiduciaria si basa sulla stima da parte dell'emittente della quantità di banconote di cui non verrà richiesta la conversione in monete (perché restano nella circolazione) e questa stima si basa sull'osservazione della circolazione in condizioni storicamente ritenute “normali”, è data la possibilità di errori di valutazione e di brogli. È quello che viene alla luce quando, per un qualsiasi motivo, la richiesta di conversione delle banconote in monete aumenta improvvisamente. In questo caso, la quantità d'oro posseduta da chi le ha emesse può non essere sufficiente ad assicurare la conversione di tutte le banconote che vengono presentate per essere cambiate in monete: si ha così la possibilità delle crisi monetarie.

Lo Stato può sfruttare la possibilità della circolazione fiduciaria riservando a sé (attraverso il Tesoro o la Banca di Stato) o concedendo e tutelando il monopolio dell'emissione di banconote (attraverso un'unica banca di emissione) o regolamentandola (quando esistono più banche di emissione). Esso può imporre il corso legale delle banconote.

È importante notare che la convertibilità delle banconote in monete d'oro è cosa economicamente diversa dalla possibilità di impiegare le banconote per comperare oro come una merce particolare. La differenza sostanziale sta nel fatto che nel primo caso ogni banconota è convertibile in una quantità prefissata e nota d'oro coniato. Nel secondo caso essa può essere scambiata con quantità d'oro che dipende dal prezzo dell'oro al momento dell'acquisto.

2.5. Cartamoneta

Si è visto sopra che, in determinate circostanze, le monete hanno un potere d'acquisto diverso dal prezzo del loro contenuto aureo. Ciò indica la possibilità di sostituire le monete d'oro con qualcosa che in quanto merce ha un prezzo trascurabile, financo nullo. Le monete d'oro sono sostituite nella loro funzione di mezzo di scambio e di mezzo di pagamento da biglietti di carta, cartamoneta, convalidati da firma e timbro dell'emittente e denominati in frazioni e multipli dell'unità di conto (7).

7. La diversità tra la cartamoneta e il buono è assoluta. Essa sta nel fatto che il buono si riferisce ad una quantità definita di una data merce. Quindi non presuppone né economia mercantile, né rapporto di denaro, né prezzi variabili. Il buono è infatti usato nei rapporti non mercantili tra due reparti della stessa azienda.

La possibilità economica della nascita della cartamoneta sta nel fatto che essa è emessa da un ente

- che è un venditore o creditore universale e accetta la sua cartamoneta in cambio delle sue merci e in pagamento dei suoi crediti,

- che l'introduce nella circolazione nella sua funzione di compratore o debitore.

Esso allora gode del grande vantaggio economico di comperare merci dai venditori e pagare i suoi creditori con biglietti, pezzi di carta con la sua firma indicanti una data quantità di conto (denaro ideale), ad es. 5 sterline, anziché con monete. Questi li accettano perché a loro volta li possono usare per comperare merci e pagare i loro debiti nei confronti dell'ente che emette biglietti e di tutti quelli che sono in rapporti commerciali o di pagamento con esso.

Nelle moderne società borghesi lo Stato è diventato il maggior compratore di merci, il maggior acquirente di forza-lavoro ed erogatore di fondi e nello stesso tempo è diventato creditore universale di tasse e imposte in denaro. Lo Stato si trova quindi nella condizione economica più favorevole per emettere cartamoneta. Esso inoltre può imporre nell'ambito dei suoi confini il corso legale della cartamoneta.

La cartamoneta può però essere messa in circolazione anche da un ente che non ha la possibilità di imporre il suo corso legale, in base alla condizione economica sopra indicata che la rende possibile (8).

8. Gli esempi di emissione di cartamoneta sulla base delle sole condizioni economiche sono numerosi. Ancora nei primi decenni del secolo scorso (secolo XIX) in Inghilterra gli industriali emettevano gettoni che avevano una circolazione locale.

In Italia negli anni '70 la penuria di monete spicciole in circolazione ha originato il fiorire di innumerevoli piccole circolazioni locali; queste si basavano sul fatto che chi accettava biglietti, gettoni o tagliandi in cambio di banconote, prima o poi li avrebbe impiegati per effettuare acquisti presso colui che li emetteva.

A differenza della banconota, chi emette cartamoneta non si vincola a convertirla in monete d'oro. Anzi, accade proprio l'opposto: chi emette la cartamoneta lo fa con lo scopo di farla circolare, quindi di rendere possibile la mediazione del maggior numero possibile di scambi e l'effettuazione del maggior numero possibile di pagamenti senza far ricorso a monete d'oro. Così la cartamoneta è denominata nella stessa unità di conto delle moneta e delle banconote, ma fin dall'inizio ha vita propria autonoma da quella delle monete e delle banconote a cui tuttavia è legata dall'essere anch'essa, come loro, multipla o frazione della stessa unità di conto e disponibile per alcuni dei loro impieghi. Da qui una serie di contraddizioni.

A differenza della cambiale (vedi oltre punto 2.6.1), la cartamoneta non è un debito: è immediatamente denaro (mezzo di scambio e mezzo di pagamento), non promessa di corrispondere denaro.

Il potere d'acquisto della cartamoneta è soggetto a oscillazioni di ogni ampiezza (in particolare può anche annullarsi), perché essa è libera dal vincolo che il contenuto aureo pone per la moneta (v. nota 6) e che la convertibilità in monete pone per le banconote.

L'emissione di nuova cartamoneta trova un limite nel fatto che la vecchia cartamoneta ritorna a chi l'ha emessa: limite che non oppone alcuna resistenza all'emissione di nuova cartamoneta per provvedere ad un volume maggiore di acquisti e di pagamenti.

Non esistendo possibilità di conversione in oro, in monete d'oro o in banconote in quantità prefissata, la cartamoneta può assolvere alla funzione di mezzo di risparmio e di tesaurizzazione solo nei limiti in cui il suo potere d'acquisto non diminuisce o se vi è un sistema bancario che accetta in deposito la cartamoneta e la remunera (pagando un interesse) e quindi trasformandola in deposito bancario (v. oltre, punto 2.6.4). Questo ci introduce ad un'altra materia del denaro: il titolo di credito.

2.6. Titoli di credito

Dalla circolazione delle merci si sviluppa e si diffonde l'uso di titoli di credito come denaro.

Mentre la banconota nasce dalla funzione del denaro come mezzo di circolazione, il titolo di credito nasce dalla funzione del denaro come mezzo di pagamento. La dissociazione tra il momento della compravendita della merce e quello del pagamento ha per effetto che il denaro non si presenta qui come termine medio dello scambio, ma come conclusione differita dello scambio M - D, a saldo di un debito che il compratore contrae verso il venditore: il denaro che media lo scambio inizia ad avere movimenti e vita propri mediandosi con condizioni che nulla hanno a che vedere con quelle dello scambio.

A certificazione dell'esistenza del rapporto di debito viene emesso un titolo di credito: una carta denominata in unità di conto e convertibile in monete o banconote ad una scadenza.

È naturalmente presupposta l'esistenza di un'autorità - lo Stato - che fa rispettare con la forza gli impegni presi e infligge sanzioni in caso contrario.

Non tutti e non sempre i titoli di credito sono denaro. Il titolo di credito diventa denaro quando chi lo riceve (il creditore) lo usa per effettuare un pagamento verso un terza persona; il titolo di credito inizia cosi a circolare come mezzo di scambio e di pagamento, autonomo dall'operazione che gli ha dato vita, sostituendo moneta, cartamoneta e banconote per un importo variabile. In questa sua circolazione esso rappresenta un multiplo dell'unità di conto diverso da quello indicato in esso (ad esempio, una cambiale da 100 sterline a sei mesi è accettata in pagamento di un debito di 97 sterline).

Similmente alla cartamoneta, il presupposto dell'accettazione del titolo di credito come denaro da parte di un sempre maggior numero di soggetti è l'autorità sociale di chi l'ha emesso per primo. Maggiore l'autorità sociale di costui, più esteso l'ambito in cui il titolo di credito può circolare.

A mano a mano che si afferma il suo uso come denaro, il titolo di credito sostituisce sia le monete d'oro sia le banconote nelle transazioni di maggiore entità richieste dalla circolazione delle merci, relegando quelle all'impiego nelle transazioni minori: per comperare un abito pago con monete o con banconote, per comperare una casa o una partita di caffè colombiano pago con un assegno su conto bancario o con una cambiale (titoli di credito). La materia di denaro circolante sul mercato nazionale e mondiale viene via via ad essere composta in una proporzione sempre maggiore di titoli di credito e sempre minore di monete d'oro e banconote. Ove la produzione è capitalistica, il capitale (che è denaro che genera più denaro) fa apparire sterile ogni denaro che non partorisce denaro. Quindi tutto il denaro tende a porsi come titolo di credito.

Si rafforza cosi la possibilità che parte del denaro in circolazione non abbia la sua contropartita in una corrispondente quantità d'oro, la possibilità di una rottura del rapporto fra circolazione monetaria e riserva aurea.

Anche il titolo di credito svolge più di una delle funzioni del denaro. A seconda dei rapporti economici correnti, chi lo detiene può usarlo come mezzo di risparmio (ad es. chi impiega i propri risparmi acquistando dei titoli di credito), mezzo di pagamento (ad es. chi impiega gli stessi titoli per saldare un debito) o capitale (ad es. chi acquista gli stessi titoli per speculare sulle variazioni del loro prezzo di mercato). Si presenta in questo modo la possibilità che i movimenti cui è soggetto il titolo di credito (aumento della quantità circolante sul mercato a seguito di nuove emissioni, sua diminuzione a seguito del venire a scadenza di una parte di titoli, variazioni del prezzo di mercato in seguito ad acquisti e vendite e a variazioni del tasso d'interesse corrente, ecc.) creino delle tensioni fra le diverse funzioni cui i titoli assolvono in quanto specifica materia di denaro e tra queste e le loro funzioni come semplici titoli di credito.

Al tentativo di appianare queste tensioni è dedicata gran parte dell'attività degli Stati e delle banche centrali in campo economico (la politica monetaria) - a maggior ragione in quanto nelle moderne società borghesi lo Stato stesso viene via via ad essere il principale emettitore di titoli di credito (vedi i successivi punti 2.6.3 e 2.8).

Vari titoli di credito sono diventati denaro. Ciascuno di essi ha originato determinate operazioni e specifici mercati, nei quali si risolvono le contraddizioni tra i loro ruoli come denaro e come titoli di credito. Il corso legale dei titoli di credito come denaro è un fenomeno poco diffuso a limitato ad alcune transazioni (pagamento d'imposte, cauzioni, ecc.).

2.6.1. Cambiale

La cambiale è una promessa di pagamento a scadenza fissata. In origine essa sorge a seguito della compravendita di merci e vincola il compratore. In seguito il legame con lo scambio di merci talvolta si perde, la cambiale diventa la semplice certificazione di un rapporto di debito, senza alcun riferimento al rapporto economico da cui il debito è scaturito.

Da semplice certificazione di un rapporto tra due soggetti determinati (l'uno creditore, 1'altro debitore), la cambiale diventa denaro grazie al meccanismo della girata: il creditore la può trasferire ad un terzo soggetto per regolare un altro rapporto di debito; e cosi via.

Su questa base:

- sorgono istituzioni (“case di accettazione”) che, dietro compenso, accettano di emettere a proprio nome e sotto la propria responsabilità le cambiali relative ai debiti contratti da un determinato ente o individuo (che provvede, in base a modalità fissate contrattualmente, a rimborsare all'istituto il credito ricevuto);

- sorgono istituzioni (“case di sconto”) che, dietro presentazione della cambiale da parte del creditore originario, anticipano (in monete d'oro, cartamoneta o banconote) la somma promessa (con uno sconto, da cui si dice che “scontano” la cambiale), subentrandogli come destinatari del pagamento finale che il debitore deve effettuare;

- queste istituzioni si rivolgono alle banche per farsi “riscontare” (ossia, a loro volta, cambiare in monete d'oro, cartamoneta o banconote) le cambiali da loro stesse già scontate;

- sorge una rete di rapporti di compravendita (dietro sconto) delle cambiali (un mercato delle cambiali). Le cambiali vengono ad avere un prezzo; diventano oggetto di investimento (al pari delle azioni delle società) da parte di chi le acquista allo scopo di rivenderle a prezzo maggiore (investimento finanziario).

2.6.2. Obbligazione

È un titolo di credito emesso a fronte dell'impegno a pagare periodicamente una certa somma come interesse su di un prestito ricevuto e a rimborsare il prestito alla scadenza.

Mentre la cambiale sorge dallo scambio di merci (e resta uno degli strumenti principali con cui si procura credito chi è dedito al commercio) l'obbligazione nasce da un rapporto di debito e credito indipendente dalla compravendita di merci. Emette obbligazioni, ad esempio, un capitalista o una società che vuole finanziare l'allargamento della propria attività, oppure lo Stato (vedi il punto 2.6.3) o un ente statale che debbono finanziare spese non coperte dalle entrate del Tesoro.

La differente origine si riflette nelle condizioni di credito: la cambiale è abitualmente la certificazione di un prestito a breve scadenza (trenta giorni, novanta giorni, raramente più di un anno), l'obbligazione è la certificazione di un prestito a lunga scadenza (oltre un anno). Chi emette l’obbligazione può cederla direttamente al creditore (quando questo è già noto), oppure affidare ad una banca o ad un ente preposto la collocazione delle obbligazioni emesse (emissione obbligazionaria). La banca provvede a trovare acquirenti per 1'emissione; talvolta (spesso) essa stessa acquista parte dell'emissione, diventando creditrice nei confronti dell'emittente. Le operazioni descritte costituiscono il mercato primario delle obbligazioni.

Chi ha sottoscritto l'obbligazione può impiegarla per effettuare un acquisto (ossia usarla come mezzo di scambio) o per saldare un debito (ossia usarla come mezzo di pagamento), cedendola ad un secondo soggetto che gli subentra come creditore nei confronti dell'emittente; a questo punto l'obbligazione ha iniziato a circolare come denaro. Questa e le successive operazioni - con cui chi ha acquistato un titolo obbligazionario lo rivende ad un terzo, costui ad altri e cosi via - costituiscono il mercato secondario.

Insieme con lo sviluppo delle Borse valori (dove vengono trattate le azioni emesse dalle società), il mercato delle obbligazioni contribuisce a creare le condizioni perché si sviluppi l'intreccio di interessi fra banche e imprese produttive, il controllo delle banche sulle imprese, la formazione di imperi finanziari.

La crescente osmosi fra il mercato delle obbligazioni e quello delle azioni (la Borsa valori) si manifesta nell'introduzione di obbligazioni convertibili (ad una certa scadenza e su richiesta dell'acquirente) in azioni, ossia in titoli di proprietà sulla società che le emette.

2.6.3. Titoli del Debito Pubblico

Si tratta di obbligazioni o di titoli diversamente denominati (buoni, certificati, ecc.) emessi dallo Stato (o dal Tesoro per conto dello Stato o da un altro ente statale). L'emissione di titoli è il mezzo con il quale lo Stato o altro ente statale provvede al finanziamento delle spese che eccedono le entrate correnti (tasse, imposte, dazi, altri redditi).

Al pari delle obbligazioni emesse da individui e società, hanno un mercato primario ed un mercato secondario. Sono quindi trasferibili da un soggetto ad un altro, fungendo da mezzo di scambio in una transazione oppure da mezzo di pagamento per saldare un rapporto di debito/credito. In questi trasferimenti dal sottoscrittore originario ad un secondo soggetto, da questi ad un terzo e cosi via, i titoli del Debito Pubblico svolgono la funzione di denaro.

L'uso diffuso dei titoli del Debito Pubblico come denaro presuppone che le emissioni di questi titoli non siano sporadiche, ma avvengano con continuità e per importi rilevanti. Il presupposto è l'intervento dello Stato nell'economia (vedi il successivo punto 2.8).

A sua volta, la capacità dello Stato (delle autorità monetarie statali) di governare, entro certi limiti, l'andamento della circolazione monetaria in un paese è spesso direttamente proporzionale alla quantità di titoli del Debito Pubblico che circolano come denaro. Di questi lo Stato può discrezionalmente - entro certi limiti - fissare prezzo di emissione o tasso di interesse corrisposto e scadenza, influendo sulla formazione delle stesse condizioni di mercato (prezzo o tasso d'interesse, scadenza) di tutti i titoli di credito che circolano come denaro e sulle quantità di cartamoneta, banconote e monete circolanti.

D'altra parte, in determinate condizioni l'esistenza di ingenti quantità di titoli del Debito Pubblico nella circolazione monetaria finisce per porre suoi specifici limiti alla capacità che lo Stato ha di intervenire per governare l'andamento della circolazione (9).

9. Cosi, ad es., se lo Stato per motivi di politica economica vuole aumentare i tassi di interesse, finisce per dover aumentare anche i tassi di interesse sui titoli del Debito Pubblico aggravando così il costo del Debito Pubblico per il Tesoro. Se invece vuole abbassare i tassi di interesse, può farlo solo finché il tasso di interesse che rendono i titoli del Debito Pubblico non scende al punto che alcuni potenziali sottoscrittori riterranno più conveniente investire il proprio denaro all'estero, qualora il tasso di interesse offerto sia maggiore, rendendo difficoltosa la collocazione delle emissioni di titoli di Stato e il finanziamento del Tesoro. E così via.

2.6.4. Conti e assegni bancari

Il conto bancario ha la sua origine

- nelle operazioni con cui una banca riceve in deposito una certa quantità di denaro (oro, cartamoneta, banconote),

- nelle operazioni con cui una banca autorizza un'apertura di credito nei confronti di un richiedente. In entrambi i casi, il depositante o debitore può emettere carta in cui dà istruzione alla banca di pagare un determinato individuo, ente, società, ecc. oppure chiunque presenti la carta stessa agli sportelli della banca (assegno sul conto bancario). Al pari della cambiale, l'assegno bancario può essere trasferito mediante girata. Sono assegni bancari tutte le carte che certificano l'esistenza un deposito bancario: in quanto tali, esse possono circolare come denaro (10).

10. Dalle operazioni di credito della banca ha origine la moltiplicazione dei conti bancari. Presso una banca vengono depositare 100 sterline e viene aperto un conto. Se la banca valuta che i suoi clienti in media convertono in banconote, monete o cartamoneta solo il 20% dei conti e quindi ne lasciano l'80% (giacenza media), essa fa credito di 80 sterline ad una seconda persona aprendo un conto a suo nome. Sulla base di questo nuovo conto la banca fa credito di 64 sterline ad una terza persona aprendo un conto a suo nome e cosi via fino a totalizzare depositi per 500 sterline di fronte dell'unico deposito iniziale di 100 sterline. Anche per questa via (il moltiplicatore bancario) si moltiplicano i titoli di credito usati come denaro.

Nel loro passare di mano in mano, originando l'apertura di nuovi depositi, gli assegni bancari circolano come denaro.

In alcuni paesi capitalistici (soprattutto nei paesi anglosassoni) il deposito o conto bancario è divenuto la materia di denaro prevalente. Il governo della circolazione monetaria da parte dell'autorità monetaria (la politica monetaria) avviene qui soprattutto tramite la regolazione di quegli strumenti che influenzano la quantità di conti bancari esistente. Nella maggior parte dei paesi capitalisti, l'entità massima dei conti che ciascuna banca può aprire è un multiplo (stabilito per legge) di una data quantità (detta “riserva obbligatoria”, da depositare presso la banca centrale) di altre materie di denaro (cartamoneta di Stato, obbligazioni, titoli di Stato

- la cui composizione è del pari stabilita per legge. Dato il rapporto tra riserva ed entità massima dei conti (detto “coefficiente di riserva obbligatoria”), maggiore è la quantità di denaro che una banca deposita come riserva obbligatoria, più conti può aprire. L'autorità monetaria può quindi influire sull'entità dei conti bancari e quindi del denaro circolante come assegno su conto bancario

- modificando con provvedimento legislativo il coefficiente di riserva obbligatoria,

- modificando la composizione della riserva obbligatoria (includendo o escludendo certe materie di denaro),

- modificando la remunerazione della riserva obbligatoria (cioè il tasso di interesse che la banca centrale corrisponde sul denaro depositato a riserva), e quindi la convenienza per le banche a depositare denaro come riserva obbligatoria per aprire nuovi conti ai loro clienti.

2.7. Corso forzoso: banconote inconvertibili

La circolazione fiduciaria apre la possibilità che 1'ente emittente metta in circolazione una quantità di banconote che in date circostanze non può convertire in oro o in monete d'oro.

Quando ciò si verifica, l'ente emittente fallisce oppure lo Stato vieta o limita la convertibilità. La convertibilità è sospesa, oppure parziale (ad esempio, le banconote vengono convertite solo in lingotti d'oro e non in monete - dunque solo a partire da una quantità in su e quindi solo alle persone più ricche). Le banconote devono quindi forzatamente essere accettate nello scambio e a pagamento e detenute come mezzo di tesaurizzazione e di risparmio: il corso legale diventa corso forzoso.

Storicamente, l'emissione di banconote a corso forzoso (ossia la sospensione della convertibilità) è il mezzo a cui sono frequentemente ricorsi gli Stati per reperire il denaro necessario per far fronte a spese di natura eccezionale (guerre, rivoluzioni, calamità naturali) senza aumentare la tassazione. Esso infatti in questo caso emette banconote oppure autorizza l'emissione di banconote che prende a prestito nella quantità ad esso necessaria.

L'introduzione del corso forzoso è in questi casi il mezzo cui lo Stato può

- saldare i propri debiti, effettuare i propri acquisti sul mercato nazionale, provvedere attraverso il Tesoro e/o la banca di emissione alle necessità della circolazione senza dover impiegare oro,

- utilizzare l'oro in proprio possesso o acquistabile sul mercato interno contro banconote e consentire ai residenti di usare l'oro in loro possesso per effettuare pagamenti all'estero (tipico il caso delle forniture belliche, della formazione di eserciti per campagne militari, di flotte, ecc.).

Nella misura in cui la condizione di inconvertibilità rende puramente nominale il riferimento al contenuto aureo della banconota, il potere d'acquisto della banconota viene liberato dai vincoli posti alla sua variazione dal contenuto aureo della moneta (v. nota 6). Una volta liberata dal suo vincolo al denaro-merce (oro), la banconota come mezzo di scambio vale per il suo possessore solo per la quantità di merce che con essa può comperare, quantità che è specifica per ogni merce (capita che due possessori di 100 sterline si trovino uno ad essere arricchito perché compera grano che è diminuito di prezzo e l'altro ad essere impoverito perché compera carne che è rincarata).

Si inizia ad elaborare indici dei prezzi, ossia a misurare il potere d'acquisto di una banconota rispetto ad un dato paniere di merci. In base ad essi si ha un'indicazione grossolana e media della ricchezza reale dei possessori di banconote.

2.8. Eliminazione del riferimento all'oro

Ogni riferimento delle banconote all'oro viene tolto. Ai possessori delle banconote in circolazione non viene più promesso da parte dell'autorità che li ha emessi (Stato) il cambio in oro, cioè la convertibilità. Le banconote non sono più né denominate in monete d'oro né convertibili in esse. Le monete d'oro vengono tolte dalla circolazione.

Mentre nel caso esaminato al punto 2.7 la convertibilità veniva presupposta (pur potendo venire sospesa per periodi di tempo anche lunghi), ora essa è esclusa. Le banconote non sono più assegni su di una data quantità d'oro: diventano cartamoneta di Stato.

Il presupposto è la trasformazione della banca nazionale (la banca appositamente istituita o storicamente affermatasi in qualità di prestatrice a beneficio dello Stato, la quale emette banconote a corso legale) in unica banca di emissione (che ha il monopolio dell'emissione di banconote) e in vera e propria banca centrale (cioè che è istituzionalmente impegnata a fare prestiti alle altre banche e a sorvegliarne e regolarne l'attività).

La base di questa trasformazione sono

- l'intervento dello Stato nell'economia (l'intreccio fra lo Stato, i suoi organi, il suo personale politico, con i grandi monopoli, con il capitale finanziario - il capitalismo monopolistico di Stato) e l'economia come contenuto principale della politica, principale mezzo di ordine pubblico,

- la stretta connessione fra circolazione come denaro di titoli credito emessi dallo Stato (titoli di Stato) e circolazione del denaro bancario (banconote-cartamoneta, titoli di credito, conti bancari);

- l'osmosi crescente fra circolazione nazionale e circolazione mondiale, che rende il controllo dell'attività di cambio un affare di ordine pubblico, gestito o controllato dallo Stato.

La cartamoneta di Stato pone colui che l'emette nella condizione di poter controllare e regolare con meno vincoli la quantità di denaro circolante entro i confini nazionali.

3. Dalle circolazioni monetarie nazionali al denaro mondiale

3.1. Circolazioni nazionali e circolazione mondiale

Per quanto si è detto in precedenza, banconote e cartamoneta hanno corso legale e corso forzoso come mezzo di scambio e come mezzo di pagamento solo nell'ambito in cui si esercita l'autorità politica dello Stato che li impone.

La cartamoneta senza corso legale, dal canto suo, è usata solo nell'ambito coperto dal giro d'affari di chi l'ha emessa.

Nel commercio con l'estero e nei pagamenti con l'estero i contratti vengono denominati in unità di conto e onorati con oro oppure con cartamoneta o banconote accettate dalla controparte e il detentore di cartamoneta e di banconote d'altro genere deve cambiarle in conformità.

Chi è in posizione dominante impone nei fatti l'uso di oro o di altra materia di denaro di proprio gradimento (la materia che circola sul proprio mercato nazionale, anzitutto, oppure la materia in cui deve effettuare i propri pagamenti o che media la maggior parte dei propri scambi: così, chi sa di poter ottenere facilmente credito in sterline presso la propria banca, cercherà di imporre il regolamento dello scambio in sterline, lasciando alla controparte l'onere di procurarsi le sterline, con il rischio di subire delle perdite a causa dei movimenti dei tassi di cambio).

Chi è in posizione subordinata deve adeguarsi, provvedendosi della materia di denaro (oro, banconote e cartamoneta estere) richiesta dalla controparte. A questo corrisponde necessariamente l'instaurarsi di rapporti di debito e credito nella materia di denaro prescelta e quindi l'emissione di titoli di credito denominati nell’unità di conto corrispondente.

Tra circolazione monetaria nazionale e circolazione monetaria mondiale (così come tra circolazione di merci nazionale e mondiale) si istituisce una costante comunicazione (11).

11. Qualora si presentino determinate condizioni, il travaso fra circolazione monetaria nazionale e mondiale può essere (temporaneamente) interrotto dallo Stato

- rendendo il denaro nazionale inconvertibile in oro,

sospendendo l'autorizzazione ad esportare oro,

- sospendendo l'autorizzazione a cambiare denaro nazionale in denaro straniero,

- sospendendo l'autorizzazione ad esportare denaro nazionale.

Le variazione dei prezzi delle merci in unità di conto nazionale sul mercato interno, si riflette nel cambio del denaro nazionale in oro o in denaro di altro Stato (aureo o cartaceo). Ciò sia quando il cambio è affare privato gestito da banche o cambiavalute, sia quando il cambio è affare pubblico, gestito dallo Stato o da autorità equivalente (in questo caso, entro certi limiti, il cambio può essere forzato in un senso o nell'altro, in base a circostanze concrete).

Monete, banconote, cartamoneta, titoli di credito emessi in un altro paese (che assumono la denominazione di valute) diventano oggetto di operazioni di compravendita al pari delle altre merci, con un loro specifico mercato: il mercato valutario. Il prezzo che si forma su questo mercato è il tasso di cambio di una valuta nel denaro nazionale.

Fino a quando il cambio resta affare privato, possono esistere tanti tassi di cambio quanti sono i soggetti che effettuano l'attività di cambio delle valute. Si sviluppa quindi la concorrenza, chi richiede il cambio posterà il denaro dove il tasso gli è più favorevole (il movimento sarà tanto più facile quanto più rapidamente la materia del denaro è trasferibile da un luogo all'altro e quanto meno costoso è il trasferimento), 1'esito sarà il tendenziale livellamento delle differenze.

L'effettiva unificazione del mercato valutario in un paese si ha quando un soggetto (lo Stato) interviene per assumere il controllo della valuta estera che entra ed esce dal paese stesso. Il presupposto è la possibilità che lo Stato obblighi le banche ed i cambiavalute a cedergli valute estere (tutte oppure una quota rilevante di quelle che a vario titolo diventano proprietà di residenti) contro denaro nazionale.

Lo Stato viene così ad avere il monopolio del cambio. Il tasso di cambio praticato dallo Stato diventa il prezzo effettivo di una valuta entro i confini statali: viene fissata una “parità ufficiale” (cioè la quantità di denaro nazionale che lo Stato si impegna a trasferire alle banche contro la cessione di valuta per un'unità di conto, ovvero - il che a la stessa cosa - la quantità di valuta che cede alle banche che ne fanno richiesta contro denaro nazionale per un'unità di conto).

Da quando esiste un mercato valutario unico (ossia da quando esiste la centralizzazione delle operazioni di cambio nelle mani dello Stato o di un'autorità equivalente), l'andamento dell'attività economica si traduce in sbalzi nella domanda e nell'offerta di questa o di quella valuta e quindi in spinte e tendenze al rialzo o al ribasso dei corsi dei cambi sul mercato valutario.

Per moltissimo tempo i movimenti determinanti (cioè quelli che originavano la maggior parte dei movimenti della domanda e dell'offerta sul mercato valutario) sono stati i flussi internazionali di merci; le richieste di cambio delle valute avvenivano prevalentemente (o quasi unicamente) in conseguenza di scambi di merci.

Dagli inizi del nostro secolo almeno (secolo XX), i movimenti determinanti sono quelli finanziari. La richiesta di cambio delle valute avviene in misura preponderante in conseguenza di spostamenti di capitali e di denaro (12).

A loro volta, queste spinte al rialzo e al ribasso sul mercato valutario influiscono sull'attività economica di coloro che impiegano valute, la condizionano, determinano spinte e pressioni in risposta, suscitano controtendenze.

Quando determinate tendenze (al rialzo o al ribasso) nel cambio di una valuta si dimostrano persistenti, stabili, non effimere, esiste la possibilità che lo Stato intervenga modificando la parità ufficiale nel senso di adeguarla alla tendenza in atto. Si creano aspettative in questo senso, che a loro volta determinano movimenti di denaro a scopo precauzionale o a scopo prevalentemente (o totalmente) speculativo (13).

12. Non c'è nulla di più assurdo, quindi, dell'insistere nel rintracciare le cause dei movimenti dei tassi di cambio nei movimenti dei prezzi relativi delle merci che vengono scambiate sul mercato mondiale. Eppure è quanto predica ancor oggi buona parte dell'ideologia borghese in campo economico. Del resto, neppure ai tempi in cui erano predominanti gli scambi di merci il cambio era determinato direttamente dalla parità di potere d'acquisto; non erano le variazioni nei prezzi relativi delle merci in due Stati a determinare direttamente variazioni nel tasso di cambio fra le rispettive valute. Queste variazioni erano sempre mediate da movimenti finanziari, ossia dalle stesse operazioni di cambio di una valuta nell’altra.

 

13. Chi prevede la svalutazione dell'unità di conto nazionale, si affretterà (se e per quanto può) ad effettuare il pagamento dei suoi impegni in valuta; cercherà invece di ritardare l'incasso dei propri crediti in valuta se deve ricevere denaro dall'estero. In modo simile, chi prevede la svalutazione acquisterà valuta al fine di rivenderla domani ad un tasso di cambio superiore; oppure acquisterà valuta oggi, impegnandosi a pagarla in denaro nazionale - al tasso di cambio attuale - dopo un certo tempo (a svalutazione avvenuta, se i suoi calcoli si riveleranno esatti). La distinzione fra il movente precauzionale e quello speculativo è in concreto difficile e in definitiva irrilevante.

La possibile modificazione della parità ufficiale da parte dello Stato suscita reazioni contrastanti (e pressioni altrettanto contrastanti sullo Stato) dei vari soggetti, a seconda della loro posizione economica (debitori o creditori verso l'estero, compratori o acquirenti all'estero, investitori all'estero, ecc.). Ai movimenti nell'uno e nell'altro senso del cambio corrispondono infatti vantaggi e svantaggi per questa o quella classe sociale o frazione di classe. I contrasti d'interesse si esprimono perciò anche come lotta per influire sulla politica di cambio degli Stati. A seconda del prevalere di questi o di quegli interessi, la politica economica dello Stato sarà indirizzata a dirigere (per quanto possibile) nell'una o nell'altra direzione il tasso di cambio.

Il monopolio statale sul cambio non elimina necessariamente la possibilità che continuino ad esistere (legalmente o meno) mercati paralleli delle valute. La loro origine è l'esistenza di valuta sottratta al controllo dello Stato:

1. legalmente, quando

- sia consentito a banche e cambiavalute la detenzione di quantità limitate di valuta e la possibilità di effettuare il cambio a condizioni non regolate dallo Stato, oppure

- sia consentito (entro condizioni stabilite) effettuare operazioni di cambio presso una banca straniera;

2. illegalmente, aggirando le limitazioni ed i divieti posti dallo Stato mediante

- occultamento della valuta ricevuta (dichiarando alla dogana un valore delle merci esportate inferiore a quello effettivo; fingendo l'esistenza di un inesistente rapporto di credito verso un soggetto residente all'estero),

- esportazione illecita della valuta - le cosiddette “fughe di capitali” (trasportandola fisicamente oltre confine; dichiarando alla dogana un valore delle merci importate superiore a quello effettivo; fingendo l'esistenza di un inesistente rapporto di debito verso un soggetto residente all'estero),

- imputazione di spese o ricavi fittizi ad una società filiale situata all'estero.

Il prezzo che si forma sui mercati paralleli (tasso di cambio parallelo, non ufficiale, “del mercato nero”) può - in certe condizioni - divergere anche sostanzialmente dalla parità ufficiale. Quando la divergenza è rilevante e duratura e quando le altre condizioni lo consentano, per un numero sempre più ampio di soggetti cresce la convenienza a rivolgersi al mercato parallelo per effettuare operazioni di cambio: cresce la dimensione del mercato parallelo a scapito di quello ufficiale, il monopolio dello Stato sul cambio viene messo in pericolo.

3.2. Denaro mondiale

Mano a mano che viene consolidandosi una determinata connessione gerarchica fra i capitali operanti sul mercato mondiale in formazione, una delle frazioni del capitale mondiale impone nei fatti l'uso della propria unità di conto come materia dei contratti e della propria materia di denaro come mezzo di saldo delle bilance internazionali (differenze fra acquisti e vendite di merci all'estero), mezzo di pagamento internazionale (contratti, debiti e crediti, affitti, ecc.), mezzo di riserva. Una materia di denaro diventa materia del denaro mondiale.

Il processo attraverso cui l'impiego di una materia di denaro come materia del denaro mondiale si generalizza è basato

- sull'egemonia commerciale della corrispondente frazione del capitale mondiale,

- sull'egemonia finanziaria dei capitalisti monetari dominanti (i banchieri londinesi fino al 1914, quelli statunitensi dal 1945 agli anni '70),

- sul dominio politico (fondato sui due precedenti fattori) che lo Stato del gruppo borghese dominante esercita a livello mondiale. Dominio politico che a sua volta è strumento per mantenere e rafforzare la supremazia in campo commerciale e finanziario.

Il passaggio a denaro mondiale può dirsi compiuto quando un'unità di conto e una materia di denaro vengono correntemente usate come materia dei contratti e dei prezzi, mezzo di pagamento, mezzo di saldo delle bilance internazionali e mezzo di tesaurizzazione nelle relazioni fra capitalisti di paesi diversi da quello in cui la materia di denaro stessa è denaro nazionale (14).

14. Ad esempio, transazioni in sterline tra produttori giapponesi e americani avvenivano ancora agli inizi del nostro secolo; il dollaro è tuttora il denaro maggiormente impiegato negli scambi fra paesi del cosiddetto Terzo Mondo.

Stante l'unità del mercato mondiale, circolazione nazionale e circolazione internazionale (delle merci e del denaro) sono ormai vasi comunicanti. Il travaso dall'una all'altra è tanto maggiore

- quanto maggiore è il volume di scambi che avvengono tra un paese e il resto del mondo,

- quanto più sviluppati sono il mercato monetario e il mercato dei capitali di un paese, cioè quanto più sicure e fidate sono le sue istituzioni bancarie, quanto più vari ed efficienti sono i servizi da queste offerti (compravendita d'oro, deposito d'oro e monete, prestito, collocazione e compravendita di titoli, ecc.).

È così data la condizione perché il gruppo borghese dominante possa svolgere un ruolo dirigente e condizionante del movimento economico del capitale mondiale anche attraverso il canale della circolazione monetaria.

Quindi, mentre per lo Stato il cui denaro è denaro mondiale circolazione nazionale e circolazione internazionale tendono identificarsi, per gli altri Stati il cui denaro non svolge le funzioni di denaro mondiale il fatto che una parte significativa delle relazioni economiche con l'estero avvenga nel denaro di un altro Stato pone il problema di governare

- il rapporto fra la quantità d'oro rappresentata nella propria unità di conto e quella rappresentata nell'unità di conto mondiale (nei sistemi monetari a base aurea),

- le quantità del proprio denaro che vengono fatte oggetto compravendita sui mercati valutari ed il prezzo che vi si forma (sistemi monetari senza base aurea).

3.3. Materie del denaro mondiale

Dal suo apparire ad oggi, il denaro mondiale si è presentato in diverse materie, successivamente o contemporaneamente in grado di svolgere alcune o tutte le funzioni cui assolve il denaro.

Nella misura in cui il sistema delle relazioni monetarie internazionali è sorto come estensione al mondo intero delle relazioni monetarie vigenti in pochi paesi in cui tutta la popolazione era stata sussunta nel rapporto di capitale, ad essere usate come denaro mondiale sono state le materie di denaro correntemente usate da una frazione dominante della borghesia mondiale: la storia delle materie del denaro mondiale coincide largamente con la storia di alcune delle materie di denaro impiegate localmente.

In questa sezione ci limiteremo ad evidenziare le particolarità che sorgono dall'uso specifico di queste materie nella funzione di denaro mondiale.

3.3.1. Oro metallo e monete d'oro

L'oro metallo (al pari dell'argento metallo) è stato correntemente usato come denaro mondiale (in tutte le funzioni del denaro) nella fase precedente la formazione di un vero e proprio mercato mondiale. Fino a quando la connessione tra coloro che scambiano merci da un paese all'altro è episodica, casuale, solo una mere denaro viene accettata come mezzo di scambio e mezzo di pagamento.

Il consolidarsi della preminenza di determinati gruppi borghesi (spagnoli, portoghesi, inglesi) nell'attività di commercio internazionale comporta la sostituzione dell'oro-metallo con le monete d'oro coniate nei rispettivi paesi.

Al subentrare di altre materie di denaro nella funzione di mezzo di scambio, di pagamento e di tesaurizzazione corrisponde il progressivo esautoramento dell'oro metallo da queste funzioni (15). Con l'affermarsi dell'inconvertibilità delle banconote e dell'uso della cartamoneta di Stato come denaro mondiale, l'oro viene a perdere anche la funzione di unità di conto. L'introduzione di sistemi monetari internazionali senza base aurea (vedi oltre al punto 4.2) sancisce la volontà di giungere ad una demonetizzazione dell'oro, che conserva oramai solo la funzione di mezzo di tesaurizzazione e di conservazione del valore.

15. A partire dalla crisi del 1929 e fino al secondo dopoguerra l'oro viene usato come mezzo di pagamento soltanto fra Stati (e sempre pia sporadicamente). Nel corso degli anni '30 l'oro monetario (lingotti e monete) viene quasi interamente accentrato presso le riserve delle banche centrali. Solo nel secondo dopoguerra riprende a svilupparsi il libero mercato dell'oro. Dopo il 1971 (anno in cui crolla il sistema monetario basato sul dollaro) cessa quasi completamente l'uso dell'oro anche nei pagamenti fra Stati, ma in compenso riprende intensificandosi dall'inizio degli anni ’80 l’accumulo di riserve auree presso le banche centrali (vedi anche le note 18 e 19).

3.3.2. Banconote

La circolazione fiduciaria a livello mondiale (assegni sull'oro, dapprima convertibili, poi di fatto inconvertibili - perché non c'è necessità o convenienza a richiederne la conversione) segna un passaggio decisivo nell'estensione del carattere sociale del denaro mondiale. Questo passaggio si esprime appunto nella sostituzione dell'oro (che costituiva una merce-denaro o almeno, in quanto moneta coniata, differiva da quella solo quantitativamente) con biglietti che lo rappresentano soltanto. Questi subentrano all'oro nelle funzioni di mezzo di scambio, mezzo di pagamento, mezzo di risparmio.

L'impiego delle banconote rende possibili operazioni che non avrebbero potuto avere luogo se l'oro fosse rimasto la sola materia del denaro mondiale. Non è infatti conveniente usare oro per compravendite di entità limitata, dati i costi (e i rischi) del trasporto; costi e rischi che invece diminuiscono drasticamente se a spostarsi sono dei semplici biglietti.

3.3.3. Cartamoneta di Stato

Alla fase in cui è ormai consolidato il predominio economico e politico di un gruppo borghese sul mondo corrisponde l'uso della cartamoneta emessa dal rispettivo Stato. Questa riceve la sua convalida sociale direttamente dall'autorità dello Stato che l'emette. Prezzi delle merci e contratti vengono espressi ormai esclusivamente nell'unità di conto dello Stato del gruppo borghese egemone; l'oro cessa di svolgere anche la funzione di unità di conto.

3.3.4. Titoli di credito

Nella fase imperialista del modo di produzione capitalista i titoli di credito vengono rapidamente a costituire la più diffusa materia del denaro mondiale (cfr. Tabella 1).

Tabella 1

Composizione percentuale del denaro in Inghilterra, Francia e Stati Uniti (1815-1913)

  1815 1848 1872 1892 1913
Metallo e moneta metallica 67 63 41 24 13
  - Oro 33 17 28 16 10
  - Argento 34 46 13 9 3
Banconote e cartamoneta  27 20 32  22 19
Titoli di credito 6 17 27  54 68
TOTALE 100 100 100 100 100

Vale qui a maggior ragione quanto osservato al punto 2.6 in merito alla diffusione dell'uso dei titoli di credito come denaro. Nel mercato mondiale, la proporzione fra il volume di transazioni che avvengono impiegando titoli di credito e quelle che avvengono impiegando banconote o cartamoneta è maggiore che nei vari segmenti nazionali. Il ché è ovvio, se si tiene conto del fatto che nel mercato nazionale gli scambi, le compravendite per importi modesti e regolate in contanti - nelle quali pertanto l'atto della compravendita coincide con l'atto del pagamento - sono numerose (ad esempio: milioni di proletari ricevono e spendono i loro salari nella forma di cartamoneta locale), mentre nel mercato mondiale scambi e compravendite avvengono per lo più fra capitalisti e fra Stati (o tra i primi e i secondi) e l'atto della compravendita non coincide di solito con quello del pagamento: si origina dunque circolazione di titoli di credito.

Concretamente, dunque, l'uso mondiale dell'unità di conto e della materia di denaro di un paese, si riflette soprattutto nella circolazione di titoli di credito denominati in quella unità di conto.

Fra il 1870 e il 1914 assegni bancari (accrediti in conto bancario) e cambiali commerciali («trade bills») denominati in sterline furono la materia di denaro maggiormente impiegata (quasi esclusivamente impiegata) per effettuare pagamenti all'estero, saldare debiti e ricevere crediti con l'estero, oltre che per conservare la propria ricchezza. Dalla fine della 2' Guerra Mondiale ad oggi questa funzione è stata svolta in prevalenza da assegni bancari (accrediti in conto corrente, certificati di deposito) in dollari USA, obbligazioni in dollari USA e titoli del Debito Pubblico statunitense.

In quanto moneta di credito, il denaro mondiale si presenta in una materia eminentemente “liquida”. Un conto bancario è una forma di materializzazione della ricchezza molto più agevolmente trasferibile rispetto ad una massa di banconote (almeno quanto questa lo era nei confronti di una pila di lingotti d'oro). Lo spostamento di denaro mondiale in forma di titoli di credito avviene tramite un semplice cambiamento di scritture contabili (ad esempio, da una banca ad un'altra). Di solito questo non richiede la presenza fisica di chi lo pone in essere, spesso neppure l'esistenza di un mandato scritto. Lo sviluppo delle comunicazioni rende oggi possibile effettuare transazioni internazionali in titoli di credito (sottoscrivere un'obbligazione di un'azienda tedesca, acquistare dei titoli del Debito Pubblico USA, aprire un deposito a vista presso una banca giapponese o vendere a Londra titoli di credito verso il governo argentino) con una semplice telefonata. Le operazioni che attualmente avvengono sul mercato delle valute (concretamente, spostamenti di depositi bancari a vista da una piazza finanziaria ad un'altra) avvengono in questo modo, nella maggior parte dei casi senza che chi li esegue conosca l'identità del committente.

Su questa base si fonda la possibilità di aggirare i limiti, le barriere, le regolamentazioni che gli Stati (singolarmente o mediante accordi internazionali) pongono alla “libera circolazione dei capitali” (del denaro come capitale).

3.3.5. Denaro ideale

La supremazia di un gruppo borghese sugli altri si riflette anche nell'impiego internazionale della sua unità di conto. Al progressivo venir meno di questa egemonia e all'affermarsi di un altro gruppo borghese sorge la necessità (e la possibilità) di indicare i prezzi in una diversa unità di conto (ad es. in dollari invece di sterline, in yen invece di dollari).

Nelle fasi di transizione (in cui alla perdita di egemonia di un gruppo borghese non corrisponde ancora la supremazia di un altro) sono poste le basi perché venga usato, limitatamente alla funzione di unità di conto, denaro ideale (cioè denaro senza una materia di denaro). Ne sono esempio i vari “panieri valutari” (cioè monete ideali il cui prezzo, in una data valuta, deriva dalla media ponderata dei cambi delle varie valute che lo compongono), come il Diritto Speciale di Prelievo o l'ECU europeo) (16).

16. Nel 1944, nel corso dei negoziati di Bretton Woods, Keynes - che negoziava a nome del governo britannico - tentò di far introdurre come unità di conto del costituendo sistema monetario internazionale un denaro ideale, il “bancor”. Il tentativo ovviamente fallì perché la situazione economica e politica mondiale vedeva materializzarsi il netto predominio della borghesia americana (come la storia successiva avrebbe ampiamente dimostrato); il mondo capitalista avrebbe di lì a poco imparato a pagare tutto in dollari e quindi a misurare tutto in dollari.

4. I sistemi monetari internazionali

L'esistenza del denaro come denaro mondiale è indice di un avanzato livello di socializzazione delle forze produttive, di un crescente grado di interconnessione fra i produttori ai quattro angoli della terra, che si esplica nella formazione del mercato mondiale e del sistema capitalistico mondiale. La creazione di istituzioni, regolamenti, norme allo scopo di governare le relazioni monetarie internazionali - in altre parole, la creazione di un sistema monetario internazionale - è l'espressione dell'unità contraddittoria (perché realizzantesi sulla base della contrapposizione degli interessi come motore del tutto) raggiunta a livello mondiale nella fase imperialista del modo di produzione capitalista. Il sistema monetario internazionale si presenta allora come la più compiuta ed articolata delle forme antitetiche dell'unità sociale (17).

17. Vedi Rapporti Sociali, n. 0, pagg. 4-6; n. 1 pagg. 20-22.

L'impiego di una materia di denaro già esistente localmente (come denaro nazionale) nella funzione di denaro mondiale è di per sé la premessa perché possa manifestarsi e svilupparsi la contraddizione fra le diverse funzioni della stessa materia: quelle assolte a livello locale (come denaro nazionale) e quelle assolte come denaro mondiale. Quando la contraddizione si sviluppa oltre un certo punto, una delle due funzioni non può più essere assolta - oppure può essere assolta solo sulla base di una diversa gerarchia fra le frazioni del capitale mondiale. Un sistema monetario entra in crisi e deve essere sostituito da un altro.


4.1. Sistemi monetari a base aurea

Nel sistema monetario internazionale basato sull'oro la composizione del denaro mondiale assume via via la configurazione di una piramide rovesciata, al cui vertice sta l’oro, il cui corpo è costituito dalle banconote e la cui larga base è costituita da titoli di credito.

La possibilità di mantenere la convertibilità in oro della banconota-denaro mondiale sussiste fino a quando:

1. circolano banconote in misura tale che la richiesta media di conversione in oro può essere soddisfatta con la massa d'oro esistente (o procacciabile - acquistandola con esportazioni, a credito, rapinandola, ecc.),

2. circolano titoli di credito tali che la richiesta media di conversione in banconote (sconto dei titoli) può essere soddisfatta con la circolazione di banconote esistente (o che può essere creata senza creare conseguenze che compromettono l'ordinato svolgimento degli affari).

Si crea così la possibilità che una quantità inattesa di richieste di conversione di titoli di credito in banconote e di banconote in oro renda insostenibile il mantenimento dell'impegno di convertibilità a vista in oro. Il sistema monetario a base aurea crolla.

Si sono verificati i casi seguenti.

4.1.1. Gold Standard

La materia del denaro mondiale è l'oro, la banconota e il deposito convertibile a vista (regime basato sull'oro o Gold Standard). È il caso presentatosi con il Gold Standard britannico, fra il 1870 circa e l'inizio della 1' Guerra Mondiale.

La Banca d'Inghilterra che emette banconote in sterline si impegna a cambiarle a vista in una quantità prefissata d'oro.

Il mantenimento della convertibilità richiede che la Banca d'Inghilterra mantenga una determinata proporzione fra riserva aurea e quantità di sterline banconote che vengono immesse nella circolazione monetaria mondiale; questa proporzione è del tutto empirica e si basa sulla media delle richieste di conversione delle sterline in oro. Fino a quando la supremazia della borghesia inglese è stata assoluta, il mantenimento di questa proporzione non ha posto problemi, in quanto per lo più la richiesta di conversione non avveniva nemmeno. Il ruolo di Londra come principale piazza finanziaria mondiale (e dunque delle banche londinesi come insostituibile intermediario della circolazione monetaria mondiale) faceva sì che per effettuare pagamenti all'estero, per coprire i saldi internazionali, per esigenze di tesaurizzazione, non esistesse alternativa migliore della sterlina.

In linea di principio, la condizione di convertibilità avrebbe comunque potuto essere soddisfatta, in quanto i produttori d'oro erano invogliati a venderlo sempre sul mercato dell'oro di Londra, e quindi l'oro non scarseggiava (18). Questo per vari motivi: perché la Banca d'Inghilterra poteva stampare banconote in misura pressoché illimitata e, quindi, il mercato era disposto ad assorbire qualsiasi quantità d'oro vi venisse offerta; perché l'oro veniva pagato in sterline che potevano essere usate per effettuare depositi, investimenti, transazioni sul mercato finanziario meglio organizzato, più efficiente e più remunerativo che esistesse al mondo.

18. Da quando la produzione d'oro avviene in forma di produzione capitalistica, esiste un mercato mondiale dell'oro. Questo mercato è alimentato dall'oro di nuova estrazione e dalle vendite d'oro (oggi comprese le vendite effettuate da Stati socialisti). La domanda è invece costituita dagli acquisti delle banche di emissione (per coniazione di monete o per tesaurizzazione di monete e lingotti nelle proprie riserve), dagli acquisti di società ed individui per tesaurizzazione e dagli acquisti per impiego come oro-merce (gioielleria, stomatologia, vari usi industriali). La sede di questo mercato è stata (quasi esclusivamente fino al secondo dopoguerra) Londra. Qui cinque grosse aziende hanno accentrato gli acquisti d'oro presso i produttori e mediato le compravendite d'oro effettuate da banche di emissione, società e privati cittadini. Fisicamente l'oro monetario si spostava assai raramente da Londra. Nel 1913, su 13.300 tonnellate d'oro monetario esistenti al mondo, 7.300 erano concentrate nelle riserve delle banche di emissione e quasi tutte depositate presso banche londinesi.

4.1.2. Gold Exchange Standard

Esiste il riferimento del denaro mondiale all'oro, ma la banconota è di fatto inconvertibile in oro (regime basato su denaro convertibile in oro o Gold Exchange Standard).

È il caso presentatosi fra le due guerre nel periodo 1925-1931; al centro del sistema era sempre la sterlina.

Questo regime monetario sorge a seguito di un accordo fra Stati e le rispettive banche centrali. Nell'accordo vengono stabiliti

- il rapporto nominale tra la banconota-denaro mondiale (la sterlina) e l'oro;

- le parità ufficiali di ciascuna delle valute degli Stati aderenti nei confronti della sterlina;

- indirettamente e implicitamente, il rapporto fra le altre valute e l'oro, attraverso la mediazione del loro rapporto di cambio con la sterlina.

Le banche centrali si impegnano a governare il cambio del rispettivo denaro nazionale, ad intervenire (vendendo e comprando valute) sul mercato dei cambi per mantenere la parità ufficiale prestabilita dell'unità di conto nazionale nei confronti della sterlina. Nell'ambito dell'accordo, chi richiede la conversione a vista delle sterline accetta ora in cambio non soltanto oro, ma anche le valute degli Stati aderenti all'accordo.

In questo modo il mantenimento della convertibilità può essere soddisfatto da parte della Banca d'Inghilterra anche con una proporzione minore d'oro a fronte delle banconote immessa nella circolazione mondiale; la differenza è compensata dall'inclusione nelle riserve statali delle valute degli altri Stati aderenti.


4.2. Sistemi monetari senza base aurea

Non esiste (oppure è arbitrario) il riferimento della materia del denaro mondiale all'oro. Il denaro mondiale è cartamoneta di Stato. È il caso verificatosi nel secondo dopoguerra, con il dollaro come denaro mondiale (sistema da alcuni definito Dollar Standard).

Anche questo sistema monetario è il frutto di un accordo fra Stati e banche centrali - l'accordo concluso alla Conferenza di Bretton Woods del 1944, cui aderisce via via la maggioranza degli Stati borghesi.

Come nel caso del Gold Exchange Standard, 1'accordo stabilisce delle parità di cambio tra il dollaro e ciascuna delle altre valute degli Stati aderenti ed impone alle banche centrali aderenti di operare al fine di mantenere questa parità.

Lo Stato americano rifiuta di cambiare a vista i dollari in una data quantità di oro a favore di chiunque. Nominalmente esiste l'impegno a convertire dollari in oro al cambio di 35 dollari per oncia d'oro, ma solo nei confronti di altre banche centrali. Di fatto, anche questa convertibilità nominale viene progressivamente limitata e infine annullata per decisione dello Stato USA e col formale consenso degli altri Stati aderenti.

La parità aurea del dollaro (1 oncia d'oro = 35 dollari USA) è arbitraria e convenzionale. Essa non è oramai più il riflesso di una consuetudine a scambiare oro contro dollari fra soggetti che si presentano sul mercato come compratori e venditori liberi ed indipendenti. Al contrario: è il prezzo dell'oro-merce che è determinato dall'intervento sul mercato delle autorità monetarie (che dispongono di scorte di gran lunga superiori all'offerta corrente).

Altrettanto convenzionale è il rapporto di cambio esistente fra le valute degli Stati aderenti all'accordo di Bretton Woods e il dollaro. La sua fissazione avviene in base a contrattazione fra gli Stati aderenti ed il suo mantenimento (in quanto e per quanto è possibile) è il frutto del costante intervento della banca centrale sul mercato valutario - in base agli impegni assunti.

Le valute diverse dal dollaro hanno un riferimento reciproco solo nel loro comune riferirsi al dollaro. Fanno eccezione quelle valute che mediano scambi e pagamenti in ambiti in cui operano gruppi borghesi storicamente affermatisi come egemoni (tipico esempio sono le ex colonie francesi e britanniche).

L'adesione all'accordo comporta il comune sforzo nella direzione della demonetizzazione dell'oro. Le banche centrali - quando sia possibile - limitano fino a quasi eliminarle le transazioni reciproche in oro, intervengono sul mercato libero dell'oro per indirizzare, controllare, governare (fino a quando è possibile) la formazione del prezzo di mercato dell'oro, talora gli Stati vietano l'uso dell'oro come mezzo di scambio e di pagamento da parte di privati (19). Il carattere contraddittorio di questa azione si rivela tuttavia nel fatto che l'accumulazione d'oro nelle casse delle banche centrali prosegue.

19. A partire dalla I Guerra Mondiale, scompare progressivamente l'uso d'oro come mezzo di scambio e di pagamento. Le banche centrali e di emissione restano le uniche istituzioni a detenere, nelle loro riserve, oro come denaro, benché anche private e società tesaurizzino (legalmente o meno) una certa quantità d'oro.

Dalla 2° Guerra Mondiale in poi la maggior parte dell'oro detenuto come denaro è conservata negli USA. Attualmente, nei depositi della Federal Reserve Bank di New York e a Fort Knox sono conservate le riserve auree di circa 70 Stati borghesi (USA inclusi) e del Fondo Monetario Internazionale (circa 20.000 tonnellate d'oro).

Ma nel momento in cui i prezzi mondiali cominciano a crescere senza arrestarsi (inflazione), ai produttori non risulta conveniente vendere oro al Tesoro USA al prezzo fisso di 35 dollari per oncia; chi è in grado di farlo cerca di vendere a prezzo più alto; torna a svilupparsi un mercato libero, ancora a Londra, dove il prezzo dell'oro si forma in base all'andamento della domanda e dell'offerta. Si crea così un prezzo libero dell'oro accanto alla parità ufficiale. Questo prezzo tende a divergere sempre più dalla parità ufficiale, superandola. Le banche centrali dei maggiori paesi imperialisti si accordano per intervenire ad abbassare il prezzo del mercato libero con vendite d'oro (allo scopo nel 1961 viene istituito il cosiddetto “Gold Pool”). La manovra non ottiene però l'effetto desiderato. Nel 1968 le stesse banche centrali si impegnano a non effettuare compravendite d'oro sul mercato libero. Da questo momento cessano gli interventi delle banche centrali tesi a stabilizzare il prezzo dell'oro.

La sede principale del mercato è ancora Londra (dove operano tuttora le stesse cinque società), ma un'importanza solo di poco inferiore hanno a Zurigo le tre maggiori banche svizzere. Negli anni più recenti sono in forte sviluppo le piazze di New York e Chicago (per le operazioni a termine)

Tolto il riferimento stesso del dollaro all'oro, la libertà di manovra dello Stato USA in campo monetario internazionale è apparentemente completa. La creazione di dollari nella materia di cartamoneta e di titoli di credito può avvenire in base agli obiettivi di politica economica, senza la preoccupazione di dover mantenere una quantità d'oro come mezzo di riserva per far fronte ad eventuali richieste di conversione. La politica monetaria è così libera di servire gli interessi del gruppo borghese dominante

- direttamente, garantendo la creazione di denaro in misura adeguata al fabbisogno della circolazione di merci a cui questo dà origine;

- indirettamente, garantendo allo Stato stesso la possibilità di finanziare illimitatamente con creazione di denaro il proprio intervento a sostegno dell’accumulazione e le spese sostenute per mantenere la propria supremazia in campo mondiale.

Le altre frazioni del capitale mondiale, gli altri Stati borghesi subiscono più o meno passivamente le oscillazioni che la politica dello Stato imperialista dominante determina nella creazione di denaro mondiale - talvolta scarso rispetto alla circolazione internazionale, talvolta esuberante. È il secondo caso che tende a diventare la norma, nella misura in cui chi l'emette lo fa in qualità di compratore - e vuole poter comprare sempre di più.

Sono poste le condizioni necessarie per un aumento generalizzato dei prezzi, per l'inflazione mondiale. Banconote e titoli di credito si svalutano, anche se la svalutazione non può essere misurata che in riferimento alle varie merci (l'unità di conto mondiale è ormai solo misura di se stessa ed è sempre valido il detto “one dollar is worth one dollar”!). La svalutazione può essere misurata solo in base alla “forma di valore dispiegata” del denaro mondiale: da 1$ = 1/3 barili di petrolio a 1$ = 1/5 barili, da 1$ = 3 libbre di rame a 1$ = 1,2 libbre di rame; e così via.

Il sistema monetario internazionale senza base aurea può essere mantenuto fino a quando la fitta trama di regole, accordi, convenzioni che lo costituisce non entra in contraddizione con i movimenti del capitale. Quando questa contraddizione non è più sostenibile, a causa delle oggettive leggi del movimento di accumulazione del capitale, il sistema deve saltare.

Subentra una situazione in cui la supremazia indiscussa del gruppo borghese il cui Stato emette il denaro mondiale viene sempre più insidiata da altri gruppi borghesi. Si costituiscono così “aree monetarie”, ossia reti di transazioni fra determinati gruppi borghesi, che hanno luogo entro confini geografici abbastanza nettamente individuabili anche se non chiusi a transazioni con altri gruppi borghesi (20).

La lotta fra i gruppi borghesi per una nuova ripartizione del mercato mondiale si presenta quindi anche come lotta per l'allargamento delle rispettive aree monetarie.

20. Ad esempio, l'attuale “area dello yen” in Estremo Oriente comprende l'insieme delle relazioni monetarie fra capitalisti e Stati di un gruppo di paesi, nelle quali lo yen è impiegato come comune unità di conto. Ciò non esclude che transazioni, ad esempio, fra lo Stato malese e una banca britannica possano avvenire in sterline, né che l'esportatore tedesco in Thailandia possa pretendere di essere pagato in marchi. E neppure che, stante queste relazioni, anche determinati rapporti fra una banca malese ed una tailandese possano avvenire usando marchi o sterline.